Trimestrale Unicredit: utile a 447 mln, ricavi a 5,5 mld nel terzo trimestre

di , pubblicato il
I conti del terzo trimestre e dei primi nove mesi del 2016 di Unicredit. CET1 ratio fully loaded della banca al 10,82%

Indicazioni contrastanti dalla trimestrale di Unicredit. La big del settore bancario ha mandato in archivio il terzo trimestre con un utile netto pari a 447 milioni di euro, in calo del 34,9% rispetto al trimestre precedente e del 11,8% rispetto a un anno fa, e ricavi pari a 5,5 miliardi, l’11,1% in meno nel confronto con il trimestre precedente e il 2,3% in più su base annua.

I costi totali trimestrali di Unicredit si sono attestati a 3,2 mld (-1,8% trim/trim, -4,6% a/a) mentre il rapporto costi/ricavi è stato pari al 59,2% (+5,6 punti percentuali su base trimestrale e – 4,3 punti percentuali su base annua. Per quanto concerne la qualità dell’attivo, le Rettifiche su crediti sono risultate in aumento a 1,0 mld (+10,3% trim/trim, +0,3% a/a) e il costo del rischio è salito a 83 pb (+8pb trim/trim, -2pb a/a). Per quanto concerne il fronte patrimoniale, il CET1 ratio fully loaded è risultato pari al 10,82%, il CET1 ratio transitional a 11,00%, il Tier 1 ratio transitional a 11,81% e il Total Capital ratio transitional a 14,50%. Per finire, il leverage ratio transitional si è attestato al 4,70% e fully loaded al 4,49%.

Sui nove mesi, l’utile netto si è attestato a 1,8 mld (+14,7% 9M/9M), i ricavi sono stati pari a 17,1 mld (+1,5% 9M/9M) e i Costi Totali hanno registrato una flessione a quota 9,8 mld, il 4,2% in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno con un rapporto costi/ricavi al 57,5%. Per finire, nei primi nove mesi le rettifiche su crediti sono state pari a 2,7 mld (-7,6% 9M/9M) e il costo del rischio si è attestato a 74pb.

Argomenti: , ,