Trimestrale Iren: migliora il risultato netto, calano ricavi e debito

Iren conferma le previsioni sul 2013: forte aumento per Ebitda e Ebit nel primo trimestre dell'anno

di , pubblicato il

Iren ha registrato nel primo trimestre 2013 un miglioramento del risultato netto con una rilevante crescita dei margini pur in presenza di una riduzione dei ricavi (-14,9%) e della perdurante crisi economica e sovra-capacità nella produzione di energia elettrica. Sono questi i dati principali della trimestrale Iren diffusa poco fa dalla stessa società.

Scendendo nel dettaglio i ricavi  consolidati dei primi tre mesi del 2013 sono stati pari a 1.120,7 milioni di euro contro i 1.317,3 milioni di euro al 31 marzo 2012.

La flessione dei ricavi è stata il risultato della stessa strategia commerciale del Gruppo che prevede una maggiore focalizzazione nei segmenti di vendita a clienti microbusiness e retail. Ciò ha contribuito, insieme alla crescita dell’Ebitda, ad un incremento significativo del rapporto Ebitda/Ricavi che passa dal 14,5%, registrato nel primo trimestre 2012 al 21,7% attuale.

 

Ebitda Iren in aumento

Il Margine Operativo Lordo (Ebitda) si è attestato a 243,7 milioni di euro con una crescita consistente (+27,9%) rispetto a 190,5 milioni di euro del corrispondente periodo 2012. Sull’Ebitda hanno pesato positivamente i risultati delle aree di business Generazione e Mercato che hanno migliorato le performance in tutti i settori: energia elettrica, calore e gas. Variazione positiva anche per l’Ebit che è salito a  173,3 milioni di euro facendo segnare un’importante crescita (+38,9%) rispetto a 124,7 milioni di euro registrati nello stesso periodo dell’anno precedente. 

In questo contesto, Iren ha messo a segno un risultato netto 81,1 milioni di euro, in forte crescita (+47,4%) rispetto ai 55,0 milioni di euro dello stesso trimestre 2012. Per finire, l’indebitamento  al 31 marzo 2013 è stato pari a 2.504 milioni di euro, in riduzione del 2,0% rispetto a 2.555 milioni di euro al 31 dicembre 2012.

Argomenti: ,