Trimestrale Intesa Sanpaolo batte le attese, dividend payout 2018 all’85%

I conti trimestrali di Intesa Sanpaolo piacciono al mercato e il titolo riesce a galleggiare su un Ftse Mib imbottito di rossi

di Enzo Lecci, pubblicato il
I conti trimestrali di Intesa Sanpaolo piacciono al mercato e il titolo riesce a galleggiare su un Ftse Mib imbottito di rossi

Intesa Sanpaolo ha chiuso il primo trimestre 2018 con utile netto pari a 1.252 milioni di euro contro i 1.428 milioni del quarto trimestre 2017 e i 901 milioni del primo trimestre 2017. In forte miglioramento anche la qualità del credito di Intesa Sanpaolo. I crediti deteriorati, infatti, hanno segnato una riduzione di circa 1,5 miliardi nel primo trimestre 2018 e di circa 14 miliardi al lordo delle rettifiche. Alla luce dell’aggiornamento, lo stock di crediti deteriorati è sceso a marzo 2018 del 2,7% sia al lordo delle rettifiche di valore rispetto a dicembre 2017 sia al netto rispetto al dato del 31 dicembre 2017 ricalcolato per tenere conto della prima applicazione del principio contabile IFRS 9 in vigore dal 1° gennaio 2018. Per finire, l’incidenza dei crediti deteriorati sui crediti complessivi è stata pari all’11,7% al lordo delle rettifiche di valore e al 5,5% al netto.

Indicazioni molto positive sono arrivate anche dal fronte patrimonializzazione. I coefficienti patrimoniali, infatti, si sono attestati su livelli largamente superiori ai requisiti normativi. Al 31 marzo 2018, Common Equity Tier 1 ratio pro-forma a regime è risultato pari al 13,4%, livello più alto tra le maggiori banche europee, e il Common Equity Tier 1 ratio secondo i criteri transitori in vigore per il 2018 al 13,3%, rispetto a un requisito SREP da rispettare nel 2018 – comprensivo di Capital Conservation Buffer, O-SII Buffer e Countercyclical Capital Buffer (10) – pari rispettivamente al 9,32% e all’8,135%.

Secondo Intesa Sanpaolo i conti del primo trimestre sono “pienamente in linea con l’obiettivo di un utile netto superiore a 3,8 miliardi di euro nel 2017 e di un dimezzamento dei crediti deteriorati previsto nel piano di impresa 2018-2021, considerando l’accordo strategico firmato con Intrum lo scorso aprile”.

In tema di dividendi, Intesa Sanpaolo ha specificato che la politica di dividendi per l’esercizio 2018 della banca prevede la distribuzione di un ammontare di dividendi cash corrispondente a un payout ratio pari all’85% del risultato netto.

La reazione del titolo Intesa Sanpaolo ai conti del primo trimestre è tutto sommato positiva. In un contesto che vede le azioni della banche affondare, Intesa sta segnando un calo limitato allo 0,6%.

 

Argomenti: col_Rullo, Intesa Sanpaolo