Trimestrale Generali batte le attese, utile +6,3% su base annua

Margini spinti dal segmento danni con il risultato operativo che si attestava al livello più alto degli ultimi quattro anni

di , pubblicato il

Generali Assicurazioni sorprende il mercato con una trimestrale sopra le aspettative del mercato. L’insediamento l’estate scorsa dell’amministratore delegato Mario Greco ha portato a un miglioramento dei margini con la scelta di focalizzarsi principalmente sul core business assicurativo.

Il primo trimestre 2013 è stato così archiviato con utile netto pari a 603 milioni di euro, in crescita del 6,3% rispetto all’analogo periodo dell’anno precedente e con un combined ratio in calo di 1,8 punti al 93,6%.

Il risultato è spiegabile dal boom del segmento danni (+26,6% a 520 milioni) che ha spinto il risultato operativo alla migliore indicazione degli ultimi quattro anni (+8% a 1,3 mld). Di converso il comparto vita ha registrato un risultato operativo di 797 milioni, in calo del 2,6% sulla scia di “in un difficile contesto economico-finanziario“. Diminuiscono i premi complessivi (-2,6% a 19,1 miliardi) a causa di un incremento della raccolta nel segmento danni dell’1,5% a 6,9 miliardi e da una flessione del 4,7% nel segmento vita a 12,3 miliardi. Rispetto al primo trimestre 2012 la raccolta netta nel vita e’ cresciuta a 2,9 miliardi da 760 milioni tornando positiva in Italia e Francia. I risultati sono migliori delle attese degli analisti che puntavano in media a un utile Generali netto nel trimestre a 528 milioni, a un risultato operativo di 1,19 miliardi e a un combined ratio Generali del 94,6%.

Argomenti: ,