Trimestrale Exor: vola l’utile nei primi 9 mesi, anche il NAV in aumento

di , pubblicato il

exor elkannTrimestrale densa di variazioni positive per Exor. La holding guidata da John Elkann, infatti, ha messo a segno un incremento dell’utile e del NAV. Nello specifico, l’utile netto consolidato si è attestato a quota 611 milioni di euro contro i 142 milioni messi a segno nello stesso periodo dello scorso anno mentre il Net Asset Value (NAV) di Exor si è attestato a 11.130 milioni di euro con una variazione positiva rispetto ai 10.164 milioni al 31 dicembre 2014. Per quanto concerne invece il solo terzo trimestre, l’utile consolidato è stato pari a 391,7 milioni di euro.

Nel comunicato stampa diffuso da Exor si legge che la “variazione positiva pari a 469 milioni deriva principalmente dall’incremento delle plusvalenze nette per 626,2 milioni (di cui 522,1 milioni relativi alla cessione di C&W Group), parzialmente compensato dal decremento nella quota del risultato delle partecipate (99,2 milioni) e dall’incremento degli oneri finanziari netti (34,8 milioni) e degli altri oneri non ricorrenti (9 milioni)“.

Exor a Piazza Affari sta segnando una progressione dell’1,08%.

Argomenti: , , ,