Trimestrale Eni: ricavi in calo, tracollo dell’utile

Calano utili e ricavi di Eni mentre cresce l'indebitamento netto. Le previsioni sull'esercizio 2013.

di Carlo Robino, pubblicato il

Eni archivia i primi tre mesi del 2013 deludendo le aspettative degli analisti. Il Cane a sei zampe ha reso noto nella prima trimestrale dell’anno, che l’utile netto adjusted (calcolato al netto delle componenti straordinarie) si è attestato a 1,43 miliardi di euro, contro aspettative di 1,5 miliardi. Il dato è fortemente negativo se si pensa che nello stesso periodo dell’anno scorso Eni aveva conseguito un utile di 2,46 miliardi. Il calo viene spiegato da un minor contributo da parte dei settori Exploration & Production e Gas & Power. Da notare che depurando il dato dal contributo di Snam alle continuing  operations, la riduzione dell’utile netto adjusted si riduce al 39,2%. I ricavi Eni nel confronto anno su anno sono diminuiti del 6% a quota 31,6 miliardi di euro. L’indebitamento finanziario netto di Eni al 31 marzo 2013 risultava pari a 15,99 miliardi di euro, perciò in leggero incremento rispetto a fine 2012 (+€0,47 miliardi). Il flusso di cassa netto dell’attività operativa di €2,80 miliardi ha finanziato quasi per intero gli investimenti del periodo.

Previsioni esercizio 2013 Eni

L’outlook 2013 è caratterizzato dai rischi e dalle incertezze che gravano sulla ripresa economica mondiale a causa in particolare della prolungata fase recessiva dell’eurozona. Il prezzo del petrolio è sostenuto dai rischi geopolitici in un quadro di migliore bilanciamento tra domanda e offerta mondiale. Il management prevede il perdurare di condizioni negative nei settori europei del gas, della raffinazione e marketing di carburanti e della chimica. La domanda di commodity energetiche è vista debole a causa della stagnazione economica; i margini unitari sono esposti alla pressione competitiva in un quadro di estrema volatilità. In tale scenario, il recupero di redditività nei settori Gas & Power, Refining & Marketing e da Versalis dipenderà principalmente dalle azioni del management di miglioramento della posizione di costo e di ottimizzazione.

Argomenti: Borsa Milano, Eni