Trimestrale Eni: aumentano ricavi e utile operativo nei primi nove mesi 2018

Balzo in avanti per tutte le principali voci di bilancio per Eni: buone anche le previsioni sull'intero 2018

di Enzo Lecci, pubblicato il
Balzo in avanti per tutte le principali voci di bilancio per Eni: buone anche le previsioni sull'intero 2018

Risultati al 30 settembre 2018 decisamente forti per Eni. Il Cane a Sei Zampe ha chiuso i primi nove mesi dell’anno con un significativo aumento di tutti i parametri principali di bilancio. Nel dettaglio i ricavi di Eni al 30 settembre si sono attestati a quota 55,77 miliardi di euro in aumento del 13% rispetto ai 49,37 miliardi di euro dello stesso periodo dell’anno precedente mentre l’utile operativo adjusted consolidato è stato pari a 8,25 miliardi di euro, in aumento del 117% rispetto a un anno fa. Nei primi nove mesi 2018 l’utile netto di competenza degli azionisti di Eni è ammontato a 3,73 miliardi di euro, quasi il triplo del risultato dei nove mesi 2017 pari a 1,33 miliardi di euro. Per quello che riguarda il debito, alla fine di settembre l’indebitamento netto di Eni si era ridotto a 9,01 miliardi di euro, in flessione rispetto ai 9,9 miliardi di fine giugno e ai 10,92 miliardi di inizio anno. Pertanto, il leverage si è ridotto da 0,23 a 0,18.

Oltre ad approvare i conti dei primi nove mesi 2018, il management di Eni ha anche fornito delle indicazioni sull’intero 2018. La società ha confermato una neutralità di cassa di gruppo (copertura degli investimenti e del dividendo) a un livello di 55 dollari al barile, oltre 20 dollari più basso rispetto alle attuali quotazioni del Brent.

L’ammontare dei conti dei primi nove mesi 2018 potrebbe condizionare l’apertura del titolo Eni in borsa.

Argomenti: Eni, Trimestrali