Trimestrale Campari: ricavi in calo e utile in aumento nei primi nove mesi

Campari brinda in borsa dopo la presentazione dei conti dei primi nove mesi 2018

di , pubblicato il
Campari brinda in borsa dopo la presentazione dei conti dei primi nove mesi 2018

Campari ha presentato i conti dei primi nove mesi 2018. Il periodo si è chiuso con ricavi in calo e un utile in aumento. Vediamo nel dettaglio. Al termine dei primi nove mesi i ricavi di Campari sono stati pari a 1,2 miliardi di euro, in flessione del 2,5% rispetto agli 1,23 miliardi contabilizzati nello stesso periodo di un anno fa. Il management ha precisato che l’aumento delle vendite è stato pari al 6,6%, mentre l’effetto cambi è stato negativo per il 5,4%.

Variazione positiva invece per il Mol di Campari che è aumentato da 299,3 milioni a 299,8 milioni di euro (+0,2%) mentre l’utile ante imposte rettificato si è attestato a quota 235,5 milioni di euro, in aumento 4,8% rispetto ai 224,6 milioni dei primi nove mesi del 2017. Per quello che riguarda il debito, alla fine del mese di settembre l’indebitamento netto del gruppo era sceso a 913,8 milioni di euro, rispetto ai 981,5 milioni di inizio anno, dopo i proventi dalla cessione del business Lemonsoda, al netto dell’acquisizione di Bisquit e dell’acquisto di azioni proprie.

In scia alla pubblicazione dei conti trimestrali, Bob Kunze-Concewitz, amministratore delegato del gruppo, ha dichiarato: “le nostre prospettive rimangono sostanzialmente invariate e bilanciate in termini di rischi e opportunità. Rimaniamo fiduciosi sul conseguimento di una performance positiva per i principali indicatori di crescita organica nell’anno”.

Il titolo Campari, grazie ai conti trimestrali, sta segnando un rialzo del 2,7%.

Argomenti: ,