TerniEnergia: via libera al voto maggiorato

Ok dell'assemblea degli azionisti di TerniEnergia alla maggiorazione del diritto di voto

di , pubblicato il

L’Assemblea degli Azionisti di TerniEnergia si è riunita in data odierna in sede straordinaria sotto la presidenza dell’avv. Stefano Neri.
L’Assemblea, con la presenza di tanti soci rappresentativi di una percentuale pari al 63,01% del capitale sociale, ha deliberato con il voto favorevole del 99,95% dei presenti le modifiche dello statuto sociale (articolo 6) volte a introdurre il meccanismo della maggiorazione del diritto di voto.
L’introduzione di tale istituto è volta a incentivare l’investimento a medio-lungo termine e così la stabilità della compagine sociale, in conformità alla facoltà prevista dall’art.

127-quinquies del T.U.F., di recente introduzione, e dall’articolo 20 del decreto legge 91 del 24 giugno 2014 (cosiddetto “decreto competitività”).
In particolare, infatti, la disciplina introdotta prevede l’attribuzione di due voti a ogni azione ordinaria appartenuta al medesimo azionista per un periodo continuativo non inferiore a due anni, a decorrere dalla data di iscrizione in un apposito Elenco, istituito e tenuto a cura della Società.
Le modalità per richiedere l’iscrizione nel predetto elenco e tutte le altre informazioni inerenti il voto maggiorato ai sensi dell’art. 127-quinquies del D.lgs. 58/1998, saranno consultabili sul sito della Società.


Il Presidente e Amministratore delegato di TerniEnergia, Stefano Neri, ha così dichiarato: “TerniEnergia, come rappresentato alla comunità finanziaria e industriale in occasione della presentazione del piano triennale “Fast on the smart energy road”, vuole rafforzare le proprie opportunità di crescita anche per linee esterne. L’introduzione delle cosiddette “loyalty shares” nello Statuto, oltre a premiare gli azionisti più fedeli, offre un nuova opportunità per finanziare lo sviluppo della Società, consentendoci al contempo di creare valore per gli Azionisti“.

Argomenti: