TerniEnergia: ok soci ad aumento capitale

I socie di Ternienergia hanno approvato un aumento di capitale fino a 3 milioni. Caratteristiche e dettagli dell'offerta

di , pubblicato il
I socie di Ternienergia hanno approvato un aumento di capitale fino a 3 milioni. Caratteristiche e dettagli dell'offerta

L’assemblea degli azionisti di TerniEnergia ha deliberato all’unanimità l’avvio di un aumento di capitale – in una o più soluzioni, a pagamento, in forma scindibile e con esclusione del diritto di opzione – per un ammontare massimo pari a tre milioni di azioni di nuova emissione, per un importo pari al 6,8% dell’attuale capitale sociale, riservato a investitori qualificati.

Il periodo di offerta di Ternienergia, si legge in una nota, partirà da una data che sarà fissata dal Cda al termine dell’attività di pre-marketing, non prima del 15 gennaio 2017. L’operazione si chiuderà entro il 10 aprile. L’assemblea degli azionisti ha inoltre confermato il criterio di determinazione del valore delle azioni di nuova emissione come deliberato dal Cda e comunicato al mercato nel novembre scorso.

Ternienergia vara aumento di capitale da 3 milioni

L’operazione servirà a mettere la società nelle condizioni patrimoniali e finanziarie ideali per accrescere e consolidare la posizione nel nascente mercato delle smart e micro grid, combinando il proprio track record nell’installazione di impianti per la produzione di energie rinnovabili con i business digitali di ultima generazione. Inoltre, sarà utile per integrare nelle proprie linee di business attività strategiche di implementazione della digital transformation, con particolare riferimento allo sviluppo di soluzioni per il management delle reti elettriche e di sistemi intelligenti e connessi, aderenti al modello dell’Internet of Things (IoT). Servirà poi ad accrescere la visibilità del titolo sul mercato, consentendo l’ingresso nella compagine azionaria di investitori qualificati o di soggetti industriali per migliorare e consolidare la strategia aziendale di innovazione e internazionalizzazione, nonché di cogliere tempestivamente le migliori condizioni che il mercato dovesse offrire, eliminando i tempi lunghi tipicamente associati all’esercizio del diritto di opzione riservato ai soci.

Argomenti: