Tenaris va a fondo. Cosa sta succedendo al titolo?

Tenaris massacrata dalle vendite a Piazza Affari a causa delle notizie non buone in arrivo dagli Usa

di , pubblicato il

tenarisAncora vendite su Tenaris che in questo momento sta cedendo il 5,42%. Il rosso della quotata, quindi, sembra essere destinato ad allargarsi progressivamente. Un andamento che spicca ancora di più se si considera quello che è il clima generale che si respira oggi sui mercati con gli indici decisamente prudenti in attesa di novità politiche da Roma. 

Chiarita quindi la specificità dell’andamento di Tenaris, cerchiamo ora di individuare le ragioni che stanno spingendo gli investitori a vendere Tenaris.

La notizia più recente sulla quotata risale a ieri e riguarda la comunicazione da parte del Dipartimento del Commercio americano delle considerazioni preliminari sulle importazioni di tubi per l’industria petrolifera nel comparto OCTG (Oil Country Tubula Goods, ossia tubi, casse e condotte utilizzati per l’estrazione e il trasporto di idrocarburi) in cui opera anche Tenaris.

La prima pronuncia dell’ente americano pone di fatto barriere anti-dumping sulle importazioni da India, Filippine, Arabia Saudita, Taiwan, Tailandia e Turchia mentre nessun rilevo è posto ai prezzi dei prodotti importati dalla Corea.

Fermo restando che la pronuncia di ieri da parte del Dipartimento americano è preliminare e che per una decisione definitiva bisognerà attendere l’8 luglio 2014, sembra essere abbastanza evidente che il mercato non apprezzi la decisione dell’antidumping americano. 

Alla delusione per questa notizia, si aggiungono poi i report di Kepler Cheuvreux e Banca Akros (Crolla Tenaris! Banca Akros e Kepler Cheuvreux non lasciano scampo).

 

Argomenti: ,

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.