Tenaris: corte d’appello argentina ribalta sentenza su Rocca

di , pubblicato il
La corte d'appello argentina ribalta sentenza sul ceo di Tenaris Rocca in attesa di ulteriori indagini.

La corte d’appello ribalta la sentenza di primo grado del 27 novembre 2018 rigurdante il Ceo di Tenari Paolo Rocca. L’indagine, nota in Argentina come cuadernos de la corruptòn (Notebook case) riguardava presunti pagamenti effettuati nel 2008 dalla controllata Techint a dei funzionari del governo argentino ed è la stessa che coinvolgeva la ex presidente Cristina Fernandez, i membri della sua famiglia ed i suoi funzionari delle amministrazioni precedenti. Rocca sarebbe quindi direttamente imputato per aver fatto pagamenti illeciti ad un funzionario del governo in cambio di commesse.

La corte d’appello avrebbe tuttavia ribaltato la sentenza, a detta di Tenaris, in base all’assenza di “motivi necessari e sufficienti per collegare il signor Rocca agli atti”, essendo “necessarie ulteriori indagini sui pagamenti”.

Argomenti: