Telecom Italia: dopo nomina Gubitosi, focus resta su separazione della rete

Il governo sembra orientato a favore di una rete unica nazionale con Open Fiber

di Enzo Lecci, pubblicato il
Il governo sembra orientato a favore di una rete unica nazionale con Open Fiber

Il futuro della rete resta il tema caldo in casa Telecom Italia anche dopo la nomina di Luigi Gubitosi alla carica di amministratore delegato dell’ex monopolista. Secondo il Sole24Ore, “con la nomina a nuovo capo azienda di Luigi Gubitosi, uno dei dieci consiglieri nominati da Elliott, la Borsa percepisce come più concreto lo scenario di una separazione della rete che il fondo attivista di Paul Singer ha propugnato sin dalla sua entrata in scena”. Il quotidiano di Confindustria ricorda che il governo sembra essere orientato a favore di una rete unica con Open Fiber. Tali orientamenti “si traducono in una prospettiva di guadagno in tempi rapidi”. Il titolo Telecom Italia sta segnando a Piazza Affari un ribasso del 2,3% contro un Ftse Mib che, a causa dell’allargamento dello spread, sta sta cedendo lo 0,85% dopo essere arrivato a perdere oltre un punto percentuale (Fuga dai BTP: spread Btp Bund ai massimi dal 2013, crollano le banche sul Ftse Mib).

Argomenti: Telecom Italia