Telecom Italia debole: Consob rileva anomalie nel balzo di ieri

Vengono alla luce oggi le ragioni del sensazionale e anomalo rialzo del titolo nel finale della seduta di ieri

di Carlo Robino, pubblicato il

L’incredibile exploit nel finale della seduta di ieri del titolo Telecom Italia non è passato inosservato. La Consob infatti ha registrato un’anomalia nell’andamento del titolo che superate le 17 di ieri è passato a quotare, nell’arco di dieci minuti, da 0,55 a 0,58 euro per azione. L’exploit si è verificato a seguito della lettura di un’agenzia Bloomberg che sembrava dare per assodato il fatto che l’ipotesi fusione Telecom-3 Italia (Ombre cinesi su Telecom Italia) verrebbe discussa nel consiglio della società guidata da Franco Bernabè (nella foto) nel prossimo consiglio in programma l’11 aprile prossimo. In realtà il testo è stato malinterpretato e la rettifica da parte della società è arrivato solo in un secondo tempo e comunque in modo così tardivo da poter impedire l’incredibile decollo (+ 7,8% a 0,578 euro alla chiusura di ieri). Telecom Italia ha infatti spiegato che l’ipotesi di M&A è cavalcata solo dagli organi stampa, perciò il colosso tlc non ha voluto fornire alcun commento. Su queste basi, in apertura il titolo oggi corregge il tiro e cede lo 0,35 a 0,576 euro per azione.

Argomenti: Borsa Milano, Telecom Italia