Smre: presentata richiesta di delisting dal 25 aprile

di , pubblicato il
Smre ha comunicato di aver presentato la richiesta ufficiale a Borsa Italiana per la revoca dalle negoziazioni  a seguito della precedente OPA.

Smre, società operante nel campo delle soluzioni industriali ad alto contenuto tecnologico, ha comunicato di aver presentato la richiesta ufficiale a Borsa Italiana per la revoca dalle negoziazioni sul mercato Aim Italia delle azioni ordinarie e dei warrant dal 25 aprile 2019.

La richiesta è stata una conseguenza dell’OPA totalitaria effettuata dall’azionista di maggioranza SolarEdge. A seguito dell’operazione sono state portate in adesione 7.995.017 azioni, corrispondenti al 35,94% del capitale e all’80,774% delle azioni facenti capo all’offerta, per una spesa complessiva di 48 milioni.

SolarEdge si è inoltre dichiarata disponibile ad acquistare al valore di 6 euro per azione, nel periodo che segue alla revoca dalla quotazione dall’AIM, sia le azioni non portate in adesione in sede d’offerta che qualle che potranno essere emesse al termine dell’ultimo periodo previsto per esercitare i Warrant, atteso tra il 13 ed il 17 maggio.

In tal modo l’offerente è arrivato a detenere un totale di 21.600.717 azioni ordinarie di Smre, pari al 97,103% del capitale.

Dato che la manovra ha determinato il possesso di più del 90% del capitale vengono considerati rispettati i requisiti per la revoca delle azioni ordinarie, la quale avverrà il giorno successivo alla data di pagamento, che segue il periodo di riapertura dei termini previsto da oggi fino al 17 aprile.

 

Argomenti: