Seat Pagine Gialle chiederà un maxi risarcimento danni?

Seat Pagine Gialle potrebbe presentare il conto a quegli ex amministratori che hanno portato la società sull'orlo del baratro

di Enzo Lecci, pubblicato il

 Seat PGSecondo alcune indiscrezioni di stampa apparse sul Corriere della Sera, Seat Pagine Gialle sarebbe pronta a presentare il conto a quegli ex amministratori che hanno portato la società gialla sull’orlo del fallimento. I numeri del risarcimento danni che Seat potrebbe presto chiedere attraverso un’azione di responsabilità contro gli ex amministratori sono impressionati. Secondo il Corsera, infatti, si potrebbe arrivare addirittura 2,3 miliardi di euro se non fino a 3 miliardi di euro. 

A decidere sull’avvio di una “dorat”a azione di responsabilità sarà la prossima assemblea in agenda il 4 marzo. Ma da cosa deriva l’ammontare di una simile risarcimento danni? A fornire utili indicazioni in tal senso è il report dei legali di Seat Pagine Gialle. Tra le pagine del documento, infatti, si può leggere che dalla condotta dei precedenti vertici è derivato un danno “pari quantomeno all’ammontare degli oneri finanziari netti corrisposti (circa 2 mld fino a giugno 2012), oltre all’ammontare delle spese sostenute per i finanziamenti (circa 122 mln)”.

A questa somma si dovrebbe poi aggiungere ulteriori 300 milioni di euro di danno derivante da altre operazioni. Praticamente inquantificabile, per finire, il danno derivante dalla perdita di chance.

 

Indebitamento Seat Pagine Gialle sfonda il muro degli 1,45 miliardi a fine 2013

I numeri di cui si parla sono, particolare significativo, pari a oltre il doppio dell’attuale indebitamento netto di Seat Pagine Gialle che, a fine dicembre, era pari a 1,46 miliardi di euro contro gli 1,45 miliardi di euro del mese precedente (Seat Pagine Gialle: indebitamento ancora in crescita a dicembre).

Argomenti: Borsa Milano, col_Rullo, Seat Pagine Gialle

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.