Screen Service, precisazioni sul comunicato del 30 maggio 2013

Il valore dell'avviamento riportato in bilancio è pari a Euro 17.611 migliaia

di Enzo Lecci, pubblicato il

Screen Service Broadcasting Technologies S.p.A., precisa, che il valore dell’avviamento riportato in bilancio è pari ad Euro 17.611 migliaia e non Euro 37.642 migliaia come riportato nell’ultimo paragrafo del comunicato stampa diffuso ieri.

Pertanto il paragrafo finale risulta essere il seguente:

“Gli amministratori evidenziano che i dati di bilancio al 31 marzo presentano un patrimonio netto di Euro 46.625 migliaia a fronte di un avviamento iscritto per Euro 17.611 migliaia. Rilevano inoltre che le incertezze ampiamente illustrate nella relazione, che hanno impedito alla società di revisione di esprimersi sulla continuità aziendale, dipendono dal protrarsi delle trattativa con gli istituti di credito per la rinegoziazione del debito e ritengono che le assunzioni poste a base della valutazione di continuità siano confortate dall’evoluzione della gestione, dal prospettato aumento di capitale, dalla possibile cessione di asset patrimoniali, nonché dallo stato delle trattative con le banche finanziatrici.”

Comunica inoltre, a completamento dell’informativa diffusa sullo stato del debito commerciale e le eventuali azioni esecutive, che le società del gruppo hanno ricevuto decreti ingiuntivi per un ammontare pari a circa l’1,5% del debito commerciale, per un valore totale di Euro 233 migliaia, di cui Euro 21 migliaia in capo alla Capogruppo, per i quali sono stati definiti piani di rientro da un minimo di 60 giorni ad un massimo di 180 giorni.

Argomenti: Borsa Milano, Screen Service