Samsung lancia un pesante profit warning e le azioni Apple ora si rafforzano

Samsung sprofonda in Borsa e si allontana da Apple che invece si avvantaggia dello scandalo "esplosivo" del Galaxy note 7

di , pubblicato il
Samsung sprofonda in Borsa e si allontana da Apple che invece si avvantaggia dello scandalo

Mentre a Seoul Samsung sta piangendo lacrime davvero amare, negli Stati Uniti Apple non può non gongolarsi. E’ questa, in estrema sintesi, la morale di quello che sta avvenendo in queste ore nel comparto tech. A seguito della decisione di bloccare le vendite del Samsung Galaxy Note 7, il colosso sudcoreano ha lanciato un inevitabile profit warning. Un atto quasi dovuto alla luce della situazione che si era venuta a creare. Eppure l’allarme, per quanto scontato, ha comunque avuto l’effetto di un terremoto.

Profit warning Samsug: le cifre

Al di là del tracollo del titolo Samsung, quello che è preoccupa sono sopratutto le prospettive che ora si apriranno dinanzi al colosso di Seoul. Numeri e dimensioni del profit warning parlano abbastanza chiaramente. Per il terzo trimestre 2016, Samsung ha ridotto le previsioni sull’utile operativo del 33,3% mentre il risultato operativo dovrebbe attestarsi a quota 5.200 miliardi di won (4,17 miliardi di euro), contro i 7.800 miliardi annunciati in precedenza. Sforbiciata anche per quello che riguarda il fatturato sarà più basso del 4% .

Il conto che Samsung dovrà pagare per il ritiro del Galaxy Note 7 è quindi pesantissimo. Del resto, a far comprendere il livello di gravità della situazione, sono state le stesse parole usate da un portavoce: “Dal momento che la sicurezza dei consumatori rimane la nostra priorità assoluta, Samsung chiederà a tutte le compagnie telefoniche e ai distributori nostri partner di fermare le vendite e le sostituzioni del Galaxy Note 7, mentre l’indagine è in corso. Questo è un abbandono definitivo della produzione e distribuzione del modello di smartphone.”.

Samsung VS Apple

Lo scandalo del Galaxy Note 7 va però oltre le contingenze del momento. Secondo alcune voci di corridoio l’affaire Galaxy Note 7 è scoppiato (letteralmente) nel momento in cui la Samsung era probabilmente pronta a mettere nel mirino Apple. Adesso sono in tanti a ritenere che riprendere la rincorsa verso Apple non sarà poi così facile. Probabilmente il mercato ha già compreso e messo a fuoco questa situazione e, infatti, da ieri sta reagendo con le sue regole: vendite massacrati su Samsung e acquisti su Apple.

Quello che è successo in casa Samsung ha confermato che i prodotti Apple sono di un altro livello e praticamente sono inimitabili.

Argomenti: , ,