Salvataggio MPS: annuncio entro poche ore, intesa su aumento capitale, cartolarizzazioni e (forse) esuberi

L'annuncio del via libera al piano di salvataggio di Monte dei Paschi dovrebbe arrivare al massimo domani. Fiducia del mercato sul possibili contenuti del progetto di rilancio

di , pubblicato il
L'annuncio del via libera al piano di salvataggio di Monte dei Paschi dovrebbe arrivare al massimo domani. Fiducia del mercato sul possibili contenuti del progetto di rilancio

Investitori e mercati con il fiato sospeso in vista dell’attesissimo annuncio sul via libera dell’Europa al piano di salvataggio di Monte dei Paschi. Secondo le ultime indiscrezioni di stampa riportate dall’edizione odierna di Milano Finanza, l’annuncio dell’intesa tra Tesoro italiano e autorità europee sarebbe addirittura una questione di ora. MF ritiene che l’importante comunicazione possa arrivare al massimo nella giornata di domani.

Alla luce di tali indiscrezioni si può ritenere che l’importante annuncio sul salvataggio di Monte dei Paschi possa arrivare nel pomeriggio di oggi 4 luglio o anche in tarda mattinata.

Al di là dell’orario preciso in cui l’importante comunicazione sarà fatta, quello che comunque conta è mettere in evidenza che tra le parti in casa c’è accordo completo. Già la scorsa settimana, infatti, si era abbondantemente parlato di una intesa completa tra il Ministero dell’Economia dell’Italia e la Commissione dell’Unione Europea. Venerdì 30 giugno, poi, il consiglio di amministrazione di Mps avev approvato la versione definitiva del piano che sarebbe poi passata all’esame, a questo punto formale ma comunque indispensabile, di Bruxelles.

Se l’accordo tra le parti non è in discussione, restano ancora alcuni dubbi per quello che riguarda i contenuti del piano di salvataggio di Monte dei Paschi. Tantissimi traders, in queste ore, si stanno ponendo una domanda che potrebbe sembrare scontata: cosa prevede il piano di salvataggio di Monte dei Paschi? Stando alle più recenti indiscrezioni, è assodato che le parti abbiano raggiunto un accordo per quello che riguarda l’aumento di capitale precauzionale e la cessione dei crediti non performanti ad Atlante 2. Discorso più aperto, invece, per quello che riguarda il piano esuberi e la chiusura delle filiali. Su questo aspetto, solo secondo alcuni rumors, Tesoro, management di Mps e Europa avrebbero raggiunto un accordo. Sull’entità del numero degli esuberi ti invitiamo a leggere le nostre più aggiornate stime: Esuberi MPS: 6000 tagli e 400 filiali da chiudere, più “lacrime e sangue” rispetto al vecchio piano.

 

.