Salini Impregilo: al via il progetto italia dopo l’aumento da 600 mln

a Concluso con successo il collocamento di azioni ordinarie di nuova emissione della Società. per un valore di 600 mln; l'importo è principalemente destinato a supportare il Progetto Italia

di , pubblicato il
a Concluso con successo il collocamento di azioni ordinarie di nuova emissione della Società. per un valore di 600 mln; l'importo è principalemente destinato a supportare il Progetto Italia

Il colosso italiano operante nel  settore delle costruzioni e dell’ingegneria ha Concluso con successo il collocamento di azioni ordinarie di nuova emissione della Società.

Nel dettaglio sono state allocate un totale di 400.000.000 azioni di nuova emissione di Salini Impregilo, ad un prezzo unitario pari a 1,50 euro  corrispondente a proventi lordi pari a 600 milioni (prima di commissioni e spese) a favore della Società.

Le Nuove Azioni rappresentano circa l’81% delle azioni ordinarie della Società già in circolazione prima del Collocamento Istituzionale.

I proventi netti dell’aumento di capitale andrando in primi a finanziare il cd. Progetto Italia, volto a rafforzare il settore nazionale delle grandi opere e delle costruzioni, che farà parte del più ampio piano industriale della Società relativo al triennio 2019-2021.

Il Collocamento Istituzionale è stato un successo poiché, al Prezzo di Sottoscrizione, le richieste sono state diverse volte superiori all’offerta, evidenziando quindi fiducia in Salini Impregilo e nel Progetto Italia da parte di investitori europei, americani e di altri Paesi, e risultando nell’ampliamento e ulteriore diversificazione della base di investitori della Società.

Salini Costruttori, CDP Equity  e Banco BPM S.p.A., Intesa Sanpaolo e UniCredit (congiuntamente le “Banche Finanziatrici”) hanno ricevuto allocazioni pari all’intero importo del proprio impegno di sottoscrizione.

Per tale operazione lSalini Impregilo si è avvalsa di BofA Securities e Citigroup, in qualità di joint global
coordinator e joint bookrunner, Natixis, in qualità di co-global coordinator e joint bookrunner, e Banca Finnat e Equita SIM, in qualità di co-lead manager.

Il regolamento del Collocamento Istituzionale è atteso per il prossimo 12 novembre 2019 ed è subordinato al verificarsi delle condizioni sospensive stabilite dall’Underwriting Agreement stipulato dai Manager e dalla Società, e a che tale Underwriting Agreement non venga risolto ai sensi dello stesso.

Argomenti:

I commenti sono chiusi.