Saipem ritrova il rialzo grazie ad un nuovo contratto in Oman

di , pubblicato il
Una raffica di acquisti porta il titolo Saipem in vetta al Ftse Mib

Dopo giorni di variazioni negative per Saipem è arrivato il momento del recupero. A metà mattinata la quotata attiva nel settore oil sta segnando una progressione del 3,12% che vale la vetta del Ftse Mib. A spingere gli acquisti su Saipem sono due notizie diverse. Da un lato, infatti, c’è la news di ieri relativa ad un accordo con Sonatrach per risolvere amichevolmente le reciproche divergenze (Saipem, accordo con Sonatrach per porre fine alle divergenze), mentre dall’altro lato c’è la notizia di oggi sul nuovo contratto da 750 milioni di dollari nel settore E&C onshore per il progetto di sviluppo della raffineria Duqm in Oman.

Ovviamente non ci sono solo notizie positive a spingere gli acquisti su Saipem. A fare da traino, infatti, è anche il rialzo del prezzo del petrolio con i future a marzo del Wti che sono scambiati in rialzo dello 0,94% a 61,17 dollari al barile e quelli ad aprile del Brent che crescono dello 0,5% circa a 64,65 dollari. Secondo gli analisti di Equita il contratto in Oman “rappresenta l’8% della raccolta ordini da noi attesa per il 2018 (stimata a 7,35 miliardi nel 2018, contro i 6,35 miliardi del 2017). Si tratta di un contratto onshore E&C, quindi stimiamo potenzialmente un margine Ebitda mid-single digit”. Gli esperti della sim milanese hanno su Saipem rating hold e target price a 3,7 euro.

Argomenti: