Saipem crollerà? La perdita nel Lodo algerino non sembra essere un dramma

di , pubblicato il
Saipem riesce a tenere la posizione in borsa nonostante la decisione della ICC International Court of Arbitration

La borsa di Milano ha aperto la contrattazioni con un unico titolo sotto ai riflettori: Saipem. La quotata del settore oil è prima andata a fondo con un ribasso di oltre 2 punti percentuali per poi rialzarsi e recuperare gran parte del passivo. Dopo circa un’ora e mezza dall’apertura delle contrattazioni la situazione vede la quotazione Saipem in ribasso dello 0,16%. Addirittura in questo momento non solo Saipem non è tra le peggiori azioni in borsa (la maglia nera sul Ftse Mib è indossata da Yoox Net a Porter per la cronaca), ma il titolo della società oil sta facendo addirittura meglio di un Ftse Mib che è in calo dello 0,25%. Come passiamo quindi interpretare il forte calo di Saipem? Ieri il titolo oil aveva chiuso la seduta con una forte progressione in avanti ma soprattutto con il prezzo delle azioni salito a 3,72 euro. Considerando anche l’andamento di Saipem nelle sedute precedenti la prima osservazione che si può fare è che il ribasso di oggi sia dovuto a semplici prese di profitto (Apertura Borsa Milano: Saipem paga in realizzi, bene Mediaset).

C’è però anche dell’altro. Questa mattina tra gli addetti ai lavori si è molto parlato della decisione della ICC International Court of Arbitration relativa al contenzioso in essere dal marzo 2014 tra Saipem da una parte e Sonatrach dall’altra. Il contenzioso tra le due parti riguardava la costruzione dell’impianto algerino Extraction des liquides des gaz associés Hassi Messaoud et séparation d’huile LDHP ZCINA. Gli arbitri hanno accolto le istanze di Sonatrach a titolo di indennizzo per la perdita di produzione dell’importo complessivo, comprensivo di interessi, di circa 135 milioni di dollari.

Saipem, dopo la pubblicazione della notizia, ha reso noto che procederà con l’esame delle motivazioni del lodo riservandosi ogni azione al riguardo.

Secondo gli analisti, la decisione del collegio arbitrale di accogliere la domanda di Sonatrach, determinerà la rilevazione nel bilancio 2017 di Saipem di oneri di pari importo, non previsti nella guidance economica della società. Ovviamente una prospettiva di questo tipo è possibile solo se il ricorso presentato da Saipem non dovesse essere accolto.

In conclusione, quindi, come sembra mostrare l’andamento di Saipem oggi, le novità sul Lodo algerino, per ora, non intaccano il prezzo delle azioni. E’ plausibile che gli investitori prima di iniziare a vendere Saipem, attendano dei segnali chiari anche sull’esito del ricorso che il gruppo italiani presenterà.

Argomenti: ,