Richard Ginori passa a Gucci per 13 milioni

Unica a presentare un'offerta al Tribunale di Firenze, Gucci si aggiudica lo storico produttore di porcellane. La conferma ufficiale dopo l'accordo con i sindacati

di Carlo Robino, pubblicato il

Richard Ginori evita lo spettro della scomparsa sul mercato e ringrazia lo storico marchio di moda made in Italy Gucci. La maison che fa capo al colosso francese del lusso Kering (ex Ppr) è infatti stato l’unico soggetto a presentare un’ offerta di acquisto al Tribunale di Firenze che a gennaio aveva dichiarato il fallimento dello storico produttore di porcellane. Si parla di una cifra intorno ai 13 milioni di euro che servirà a rilevare il marchio Richard Ginori e la fabbrica di Sesto Fiorentino, in provincia di Firenze. L’aggiudicazione definitiva avverrà dopo aver ricevuto l’ok delle sigle sindacali che al momento non sembrano d’accordo sulle condizioni poste da Gucci. La maison di moda al momento intende riassorbire solo 230 dei 305 dipendenti. I sindacati puntano a far reintegrare la totalità delle maestranze attraverso un percorso segnato dall’introduzione di contratti di solidarietà. Inoltre si attende anche la formalizzazione ufficiale del piano industriale che, da quello che ha fatto filtrare Gucci, farà leva sulle competenze, il know how e le sinergie esistenti tra i due marchi, con lo sviluppo, nel breve-medio periodo, di articoli per la tavola nel segmento lusso, e la costruzione di un’attività sostenibile nel lungo periodo.

Argomenti: Borsa Milano, Richard Ginori