Richard Ginori: la ricetta di Gucci per il salvataggio

Ieri la casa di moda ha illustrato i suoi progetti per Richard Ginori. Prevista la riassunzione di buona parte dei lavoratori e investimenti per il rilancio dello storico marchio fiorentino

di , pubblicato il

Gucci ha presentato ieri presso la Confindustria Firenze, davanti a autorità locali, sindacati e lavoratori, il piano di rilancio della Richard Ginori, storica azienda fiorentina salvata dal fallimento lo scorso aprile (Richard Ginori passa a Gucci per 13 milioni). La prestigiosa casa di moda punta al mantenimento dell’ intera produzione Richard Ginori in Italia, valorizzando le competenze uniche e distintive presenti sul territorio fiorentino.

Gucci ha poi assicurato di mantenere 230 dei 305 lavoratori impiegati nell’azienda produttrice di ceramiche a cui verrà garantito “un futuro occupazionale”. Gli investimenti stimati dovrebbero attestarsi sui 10-15 milioni di euro principalmente indirizzati, come recita una nota di Gucci, “alla riqualificazione della struttura produttiva, ad iniziative di ricerca e sviluppo e al riposizionamento del marchio, attraverso la valorizzazione del Made in Italy e delle radici storico artistiche toscane, nonche’ allo sviluppo delle professionalità delle risorse umane“. Gucci infine conclude augurandosi “la continuazione di una fattiva collaborazione con tutte le parti coinvolte al fine di raggiungere un accordo entro il 22 maggio prossimo, data fissata per procedere con il closing dell’acquisizione e poter quindi mettere in atto tutte le azioni necessarie per il rilancio dello storico brand fiorentino”.

Argomenti: ,