Rcs: ricavi in calo e aumento di capitale da 600 mil

I conti preliminari mostrano margini in deterioramento, approvato un aumento di capitale da 600 milioni

di Carlo Robino, pubblicato il

Rcs si è riunita ieri per approvare i risultati preliminari relativi all’esercizio 2012 e integrare il Piano per lo Sviluppo 2013-2015 approvato lo scorso 19 dicembre. Su quest’ultimo punto alla luce “dell’aggravarsi – come riporta in una nota la società – della situazione di sfavorevole congiuntura generale e di profonda trasformazione dell’editoria” il cda di Rcs ha deliberato un aumento di capitale di 600 milioni da effettuare entro il 2015, di cui 400 verranno immessi entro luglio. Ricordiamo che il Piano prevede il focus sull’innovazione editoriale dei power brand, con contenuti editoriali di qualità nativamente digitali; lo sviluppo ed ampliamento digitale dell’offerta, anche attraverso progetti di M&A; la focalizzazione del portafoglio verso le aree di business in cui RCS può esprimere una solida leadership; un forte presidio della marginalità con focus sul recupero di efficienza, aumento della produttività e della flessibilità; Dismissioni di attivi non core.

Risultati preliminari Rcs 2012

Ricavi Rcs 2012 – I ricavi netti consolidati di Gruppo si attestano a 1.597,7 milioni di Euro (1.860,3 milioni nel 2011): la variazione negativa di 262,6 milioni – che si riduce a 231,9 milioni a perimetro omogeneo – è attribuibile al calo dei ricavi pubblicitari, dei ricavi diffusionali e dei ricavi editoriali diversi.

Ebitda Rcs 2012 – L’EBITDA pre oneri e proventi non ricorrenti è in calo a 61 milioni di Euro, rispetto ai 163,4 milioni del 2011 (160,8 milioni a perimetro omogeneo). L’EBITDA post oneri e proventi non ricorrenti scende invece dai 142,3 milioni di Euro del 2011 a 1,3 milioni nel 2012, considerando oneri netti non ricorrenti per 59,7 milioni nel 2012 (21,1 milioni nel 2011).

Indebitamento Rcs 2012 – L’indebitamento finanziario netto si attesta a 845,8 milioni di Euro, riducendosi di 92,4 milioni rispetto al 31 dicembre 2011, per il contributo dalla cessione del gruppo Flammarion, che ha compensato i flussi negativi derivanti da oneri non ricorrenti, investimenti e – in minor misura – dalla gestione caratteristica.

Il risultato operativo del quarto trimestre, inclusi gli ammortamenti ordinari, è previsto sostanzialmente in parità, prima delle svalutazioni riferite principalmente a Unidad Editorial, il cui ammontare è in corso di valutazione.

Argomenti: Borsa Milano, Rcs MediaGroup