Rcs: Blackstone fa causa a Cairo per contestata vendita di immobili

Il fondo americano di private equity Blackstone ha fatto causa a Cairo per 300 milioni circa una contestata vendita di immobili avvenuta nel 2013.

di , pubblicato il
Il fondo americano di private equity Blackstone ha fatto causa a Cairo per 300 milioni circa una contestata vendita di immobili avvenuta nel 2013.

Prosegue la diatriba fra il fondo di private equity americano Blackstone ed il gruppo mediatico Rcs riguardante la vendita, avvenuta nel 2013, di immobili siti a Milano in Via Solferino e Via San Marco; l’operazione, portata avanti da Rcs, fu effettuata nell’ambito di un più ampio piano di risanamento.

Ora però la causa è stata rivolta direttamente contro il presidente e maggior azionista di Rcs, Urbano Cairo.

Secondo indiscrezioni il risarcimento richiesto dovrebbe ammontare a 300 milioni di €.

La disputa

Urbano Cairo, che ha ottenuto le redini di Rcs nel 2016, lo scorso novembre è ricorso ad un arbitrato in cui ha richiesto l’annullamento della vendita degli immobili in questione, perfezionata secondo la sua opinione a prezzi troppo bassi (120 milioni di €).

In risposta Blackstone ha intentato una contro causa a New York, accusando Rcs di aver rivendicato impropriamente la proprietà degli immobili sotto la lente, avendo con ciò “intenzionalmente interferito” con la vendita degli asset ad Allianz. Il 24 aprile un giudice Newyorkese ha tuttavia sospeso il procedimento in attesa che l’arbitrato in Italia dia il suo verdetto; il motivo della sospensione è stato infatti dato da seri dubbi sulla giurisdizione di New York su tale controversia. Si aspetta quindi il prossimo arbitrato prevista per il 16 settembre.

Blackstone non sembra comunque propensa a cedere. Questa la dichiarazione di Aaron Marks di Kirkland & Ellis, a rappresentare il fondo: “è chiaro che Rcs e Cairo hanno agito in malafede e Blackstone perseguirà queste affermazioni fino alla fine, sia a New Yok che in Italia. Siamo assolutamente fiduciosi nel nostro caso legale e non abbiamo intenzione di liquidare il caso”.

 

 

Argomenti: ,