PMI manifatturiero Italia ai minimi da dicembre 2014

Forte e inatteso balzo in avanti per l'indice PMI manifatturiero della Spagna nel mese di novembre

di Enzo Lecci, pubblicato il
Forte e inatteso balzo in avanti per l'indice PMI manifatturiero della Spagna nel mese di novembre

Nuova doccia fredda per l’economia italiana. Dopo occupazione e Pil ora i segnali negativi per il Bel Paese arrivano dall’attività manifatturiera. Nel mese di novembre l’indice Pmi manifatturiero è sceso a 48,6 punti contro i 49,2 punti di ottobre, a fronte dei 48,9 punti del consensus Bloomberg. Ihs Markit ha evidenziato che l’indice “è risultato al di sotto della soglia critica di non cambiamento di 50 per il secondo mese consecutivo sino a raggiungere il livello generale più basso da dicembre 2014 ottobre”. Secondo Amritpal Virdee, economista di Ihs Markit che elabora il report Markit Pmi settore manifatturiero in Italia, “l’indagine Pmi di novembre ha mostrato un deterioramento delle condizioni operative del settore manifatturiero in Italia. Il Pmi è crollato al valore più basso da dicembre 2014 con 48,6 punti, gli ordini sono diminuiti per il quarto mese consecutivo e le esportazioni si sono contratte per la seconda volta in sei anni”.

Segnaliamo che in Spagna l’attività manifatturiera ha invece evidenziato un rialzo. A novembre il Pmi manifatturiero iberico si è attestato a 52,6 punti, in aumento rispetto ai 51,8 punti del mese precedente e oltre le attese degli analisti che avevano previsto un calo a 51,5 punti.

Ricordiamo che il Pmi (Purchasing Managers Index) è un indice che nasce da un’indagine condotta sui direttori d’acquisto delle principali aziende del paese per testare le opinioni sull’andamento del comparto.

Argomenti: col_Rullo, Macroeconomia