Piteco: via libera del CdA al piano di buy-back

Tutti i dettagli del piano do acquisto di azioni proprie varato da Piteco

di Enzo Lecci, pubblicato il

Piteco ha reso noto che il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di avviare il programma di acquisto di azioni proprie in esecuzione della delibera dell’assemblea ordinaria degli azionisti dell’11 maggio 2015.

L’autorizzazione all’acquisto e disposizione di azioni ordinarie proprie è stata rilasciata in particolare per le seguenti finalità:

  • utilizzare le azioni proprie eventualmente acquisite come oggetto di investimento per un efficiente impiego della liquidità generata dall’attività caratteristica della Società;
  • consentire l’utilizzo delle azioni proprie eventualmente acquisite nell’ambito di operazioni connesse alla gestione caratteristica ovvero di progetti coerenti con le linee strategiche che la Società dovesse perseguire, in relazione ai quali si concretizzi l’opportunità di scambi azionari.

Inoltre, l’autorizzazione all’acquisto di azioni ordinarie proprie è stata concessa:

  • sino a un numero massimo di azioni ordinarie proprie tale da non eccedere il 5% del capitale sociale dell’emittente;
  • per un periodo pari a 18 mesi, decorrenti dall’11 maggio 2015, ossia fino al 11 novembre 2016; per contro, l’autorizzazione alla disposizione delle azioni proprie non prevede limiti temporali;
  • ad un corrispettivo unitario non inferiore nel minimo del 20% e non superiore nel massimo del 20% al prezzo di riferimento che il titolo avrà registrato nella seduta di mercato del giorno precedente e comunque per un controvalore massimo, in ogni momento, di complessivi Euro 1.000.000,00.

Gli acquisti di azioni proprie potranno inoltre essere effettuati, in una o più volte, nei limiti degli utili distribuibili e delle riserve disponibili risultanti dall’ultimo bilancio della Società regolarmente approvato e nel rispetto della normativa vigente. La disposizione delle azioni proprie dovrà avvenire ad un corrispettivo unitario non inferiore nel minimo del 20% del prezzo di riferimento che il titolo avrà registrato nella seduta di mercato del giorno precedente ogni singola operazione.

Argomenti: Piteco