Piazza Affari in balia delle vendite: crollano le banche (tranne Intesa Sanpaolo)

L'incertezza politica italiana agevola le vendite e Piazza Affari chiude con un calo dell'1,7%

di Enzo Lecci, pubblicato il
L'incertezza politica italiana agevola le vendite e Piazza Affari chiude con un calo dell'1,7%

Seduta pesante per la borsa di Milano oggi. A causa della crescente incertezza politica in Italia e delle naturali prese di profitto dopo i recenti rally, il Ftse Mib ha tagliato il traguardo con un ribasso dell’1,75%. Ad affondare, in una seduta sempre vissuta in negativo, sono state le azioni delle banche con Bper Banca in calo del 4,66%, Ubi Banca a -3,8% e Finecobank che ha rimediato un calo del 3,54% nel giorno della presentazione della trimestrale (FinecoBank: nel primo trimestre margine e commissioni in aumento). Tra le quotate oggi alle prese con i conti del primo trimestre 2018 è stata una seduta negativa anche per Italgas che ha rimediato un calo del 3,5% (Italgas: utile netto primo trimestre sale a 74,7 milioni).

Nonostante i tanti segni rossi che hanno imbottito oggi il paniere di riferimento di Piazza Affari non sono comunque mancati i titoli in verde. Gli acquisti hanno interessato, in particolare, Moncler avanti del 2,4% e Buzzi Unicem che ha chiuso la seduta a +1,7%.

Ultima segnalazione della seduta è per Intesa Sanpaolo che, grazie a una buona trimestrale, ha limitato i danni registrando un calo dello 0,56%.

Argomenti: Borsa Milano