Piano Industriale 2015-2018 Acea: principali target

Nel piano industriale di Acea è previsto un aumento degli investimenti soprattutto nelle attività regolate e nell'area Ambiente

di , pubblicato il

aceaIl Consiglio di Amministrazione di Acea SpA ha approvato il Piano Industriale del Gruppo relativo al periodo 2015-2019. 
I principali target del piano sono: 

  • Aumento degli investimenti soprattutto nelle attività regolate e nell’area Ambiente: complessivamente pari a circa 2,3 miliardi di Euro 
  • Crescita dell’EBITDA: 864 milioni di Euro nel 2019 (+20% rispetto al 2014)
  • Rapporto Posizione Finanziaria Netta/EBITDA al 2019 pari a 2,6x (2,9x nel 2014)
  • Focalizzazione su efficienza operativa, complessivamente pari, nel periodo, a circa 70 milioni di Euro e su qualità dei servizi grazie al programma Acea 2.0
  • Politica dei dividendi trasparente e sostenibile


“Il Piano Industriale 2015-2019 disegna la nuova Acea che vogliamo costruire nei prossimi anni e a cui stiamo già lavorando con grande determinazione” ha commentato Catia Tomasetti, Presidente di Acea. “Puntiamo – ha continuato – a dare vita a un’azienda che fa dell’innovazione tecnologica il suo principale punto di forza. Acea sarà in Italia la prima Multiutility interamente digitale: Acea 2.0. Questo ci consentirà di rivoluzionare in breve tempo il modo in cui eroghiamo servizi alle nostre comunità di riferimento. La qualità del servizio è e deve essere la nostra missione principale” ha concluso Catia Tomasetti. “Abbiamo approvato un Piano Industriale con obiettivi chiari e conseguibili, orientato alla creazione di valore” – ha dichiarato l’Amministratore Delegato di Acea, Alberto Irace – “con un significativo rafforzamento delle attività regolate e del settore ambientale.

Forte è l’impegno per il miglioramento del capitale circolante e per una struttura finanziaria sempre più solida. 

Abbiamo individuato – ha proseguito Irace – efficienze ricorrenti di circa 30 milioni di Euro al 2019 – 70 milioni di Euro di efficienza in arco Piano. Tali efficienze saranno conseguite grazie a un’imponente trasformazione di Acea fondata sull’introduzione massiccia di tecnologia e sulla reingegnerizzazione dei processi. Siamo, inoltre, pronti a fare la nostra parte fino in fondo – ha concluso l’Amministratore Delegato – per favorire e realizzare il processo di consolidamento tra le utilities del Centro-Sud Italia, se e quando i livelli istituzionali interessati muoveranno concretamente in questa direzione”.

Argomenti: ,

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.