Per Saipem è l’ora delle bocciature. Ecco cosa pensano gli analisti

Raffica di downgrade di target price all'indomani della presentazione dei conti 2013 di Saipem

di Enzo Lecci, pubblicato il

Saipem piattaformaDopo la reazione del mercato ai conti preliminari 2013 di Saipem oggi è arrivata anche la reazione degli analisti. Numerose sono state le bocciature incassate da Saipem nel pre-market anche se è bene precisare che il titolo, dopo il tonfo di ieri, oggi ha avviato gli scambi in positivo a dimostrazione di un tentativo di recupero in atto. 

 

APPROFONDISCI – Saipem: nessun dividendo 2014, perdita netta pro-forma a 404 milioni

 

Ad aver deluso ieri il mercato e oggi gli analisti sono stati l’Ebit e i ricavi. Saipem, infatti, ha mandato in archivio il 2013  con un Ebit negativo per 98 milioni a fronte di ricavi per 12 miliardi. Entrambe i parametri hanno diffuso le attese del consenso che erano per 12,3 miliardi di ricavi e per un EBIT negativo di 14 milioni.

E’ per questo motivo che Goldman Sachs ha ridotto il target price a 16,6 euro da 17,1 euro, lasciando invece invariato il giudizio “underperform”. Crédit Suisse ha tagliato il target price a 15,5 euro da 16,1, confermando il rating “underperform”. Bank of America, per finire, ha portato il target price a 13,5 euro da 14 e confermato il giudizio “underperform”.

 

Rating Saipem: tutte le decisioni degli analisti

Saipem: Goldman Sachs abbassa il Target Price, rating inalterato

Saipem: Credit Suisse abbassa il Target Price, rating inalterato

Saipem: Bofa Merrill abbassa il Target Price, rating inalterato

 

Argomenti: Borsa Milano, Ratings e Targets, Saipem