OPA Poltrona Frau: aderire o non aderire. Cosa pensano gli analisti

L'OPA su Poltrona Frau è ritenuta conveniente dagli analisti, che invitano gli azionisti ad aderire.

di Giuseppe Timpone, pubblicato il

Poltrona Frau, analisti spingono all'adesione all'OPAE’ di ieri la notizia che la società americana Haworth rileverà il 58,6% di Poltrona Frau, dopo avere raggiunto in tal senso un accordo con gli azionisti Charme Investments (51,3%) e Moschini (7,3%). Le azioni saranno cedute al prezzo di 2,96 euro ciascuna. E la reazione a Piazza Affari è stata di entusiasmo, con il titolo balzato ieri del 18% e portatosi stamane a ridosso del prezzo di offerta.

Gli analisti, dal canto loro, sembrano condividere le condizioni dell’OPA che Haworth lancerà sul capitale rimanente. Intermonte e Mediobanca invitano gli azionisti ad aderire, valutando il titolo a 3 euro, così come “interessante” è considerata l’offerta da Kepler Chevreux, che non ritiene vi saranno controfferte. Al contrario, Equita sim declassa il rating da “buy” a “hold”, ma con prezzo obiettivo di 3 euro.

L’operazione farà nascere il più grande polo mondiale del design, spiega il presidente Franco Moschini, che grazie all’offerta incasserà circa 30 milioni di euro. 213 milioni, invece, saranno incassati da Luca Cordero di Montezemolo, a capo della Charme Investments.

Già oggi, la Haworth è partner di Poltrona Frau, occupandosi della distribuzione del canale ufficio nel Nord America. Con sede nel Michigan, negli USA, fu fondata nel 1948 dall’omonima famiglia, che ancora oggi ne detiene il 100% del capitale, anche se a capo dell’azienda vi è l’italiano Franco Bianchi, presidente e ceo dal 2005. Haworth ha 6 mila dipendenti e nel 2013 ha fatturato 1,4 miliardi di dollari.

Gli ingredienti perché l’operazione valorizzi un marchio noto del nostro made in Italy ci sono.

 

 

Argomenti: Borsa Milano, Poltrona Frau