Ubi Banca, i risultati provvisori della procedura di diritto di acquisto

di , pubblicato il

Con riferimento alla procedura congiunta per esercitare il diritto di acquisto ai sensi dell’art. 111 del D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 come successivamente modificato e integrato (il “TUF”) nonché delle applicabili disposizioni di attuazione contenute nel regolamento approvato da CONSOB con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato (il “Regolamento Emittenti”) e contestualmente adempiere all’obbligo di acquisto ai sensi dell’art. 108, comma 1, del TUF, avviata da Intesa Sanpaolo S.p.A. (“Intesa Sanpaolo”) in data 18 settembre 2020 (la “Procedura Congiunta”) e avente a oggetto massime n. 21.635.917 azioni ordinarie di Unione di Banche Italiane S.p.A. (l'”Emittente” o “UBI Banca”) in circolazione non detenute da Intesa Sanpaolo (le “Azioni Rimanenti”), Intesa Sanpaolo comunica che in data 29 settembre 2020 si è concluso il periodo concordato con Borsa Italiana e CONSOB, nel corso del quale i titolari di Azioni Rimanenti hanno potuto presentare le Richieste di Vendita Relative alla Procedura Congiunta ed esercitare la propria facoltà di scelta, ai sensi degli articoli 108, comma 5, e 111, comma 2, del TUF, circa la forma del Corrispettivo per la Procedura Congiunta (il “Periodo di Presentazione delle Richieste di Vendita Relative alla Procedura Congiunta”).

Si ricorda che la Procedura Congiunta è stata effettuata a seguito della conclusione dell’offerta pubblica di acquisto e di scambio volontaria totalitaria promossa da Intesa Sanpaolo in data 6 marzo 2020 sulle Azioni UBI Banca ai sensi degli articoli 102 e 106, comma 4, del TUF (l'”Offerta”) e della conseguente Procedura di Adempimento dell’Obbligo di Acquisto ai sensi dell’Art. 108, comma 2, del TUF.

Salvo ove diversamente indicato, i termini utilizzati con lettera iniziale maiuscola nel presente comunicato hanno il significato ad essi attribuito nei comunicati stampa dell’11 e 15 settembre 2020, come integrati con il comunicato stampa del 16 settembre 2020 relativo alla Procedura Congiunta (il “Comunicato Stampa”) o nel documento di offerta (il “Documento di Offerta”) approvato da CONSOB con delibera n.

21422 del 25 giugno 2020 e pubblicato da Intesa Sanpaolo in data 26 giugno 2020; il Comunicato Stampa e il Documento di Offerta sono disponibili sul sito internet di Intesa Sanpaolo (group.intesasanpaolo.com).

Sulla base dei risultati provvisori comunicati dagli Intermediari Incaricati a Intesa Sanpaolo (in qualità di intermediario incaricato del coordinamento della raccolta delle Richieste di Vendita Relative alla Procedura Congiunta), durante il Periodo di Presentazione delle Richieste di Vendita Relative alla Procedura Congiunta sono state presentate Richieste di Vendita Relative alla Procedura Congiunta relative a complessive 3.013.070 Azioni Rimanenti.

Tali Azioni Rimanenti rappresentano (i) lo 0,2633% del capitale sociale dell’Emittente e (ii) il 13,9262% delle Azioni Rimanenti.

Con riferimento a tali n. 3.013.070 Azioni Rimanenti:
(i) per 408.474 Azioni Rimanenti, i relativi titolari hanno richiesto il Corrispettivo (vale a dire per ciascuna Azione Rimanente, il Corrispettivo in Azioni, ossia n. 1,7000 azioni ordinarie di Intesa Sanpaolo di nuova emissione in esecuzione dell’aumento di capitale al servizio dell’Offerta e il Corrispettivo in Denaro, ossia Euro 0,57); e
(ii) per le restanti 2.604.596 Azioni Rimanenti, i relativi titolari hanno richiesto il Corrispettivo Integrale in Contanti, vale a dire Euro 3,539 per ciascuna Azione Rimanente che, ai sensi dell’art. 50-ter, comma 1, lettera a), del Regolamento Emittenti, corrisponde alla somma (x) della media ponderata dei prezzi ufficiali delle azioni di Intesa Sanpaolo registrati sul Mercato Telematico Azionario nei cinque giorni di negoziazione precedenti la Data di Pagamento del Corrispettivo dell’Offerta (ossia nei giorni 29, 30 e 31 luglio, 3 e 4 agosto 2020), che è pari a Euro 1,74638, moltiplicata per il Rapporto di Cambio, vale a dire, quindi, Euro 2,969 (arrotondato alla terza cifra decimale) e (y) Euro 0,57 (ossia, il Corrispettivo in Denaro).

Durante il Periodo di Presentazione delle Richieste di Vendita Relative alla Procedura Congiunta non sono state presentate Richieste di Vendita con “riserva”.

Si ricorda che sarà corrisposto il Corrispettivo (ossia il Corrispettivo in Azioni e il Corrispettivo in Denaro) anche (i) ai titolari di Azioni Rimanenti che non hanno presentato una Richiesta di Vendita Relativa alla Procedura Congiunta; e (ii) ai titolari di Azioni Residue relative a Richieste di Vendita nell’ambito della procedura per l’adempimento dell’obbligo di acquisto ai sensi dell’articolo 108, comma 2, del TUF accettate con “riserva” e ai titolari di Azioni UBI Banca relative ad adesioni presentate durante il Periodo di Adesione accettate anch’esse con “riserva”, per le quali non sia pervenuta l’autorizzazione agli Intermediari Incaricati (eventualmente per il tramite degli Intermediari Depositari) entro il termine del Periodo di Presentazione delle Richieste di Vendita Relative alla Procedura Congiunta, anche qualora fosse stato scelto il Corrispettivo Integrale in Contanti.

L’esecuzione della Procedura Congiunta, consistente nel trasferimento a Intesa Sanpaolo della titolarità delle Azioni Rimanenti (incluse, si ricorda, quelle che non sono state oggetto di alcuna Richiesta di Vendita Relativa alla Procedura Congiunta) e il pagamento del Corrispettivo per la Procedura Congiunta saranno effettuati il quarto Giorno di Borsa Aperta successivo alla data di chiusura del Periodo di Presentazione delle Richieste di Vendita Relative alla Procedura Congiunta, ossia il 5 ottobre 2020 (la “Data di Esecuzione della Procedura Congiunta”).

Si ricorda, infine, che Borsa Italiana, con il provvedimento n. 8693 assunto in data 17 settembre 2020, ha disposto la revoca delle azioni di UBI Banca dalla quotazione sul Mercato Telematico Azionario (ossia il Delisting) a decorrere dal 5 ottobre 2020 (Data di Esecuzione della Procedura Congiunta), previa sospensione del titolo nelle sedute dell’1 e del 2 ottobre 2020.

(GD – www.ftaonline.com)

Argomenti: ,