S&P 500 di nuovo a contatto con i primi ostacoli

di , pubblicato il

S&P 500 in rialzo al termine della seduta di ieri archiviata a quota 3401,20 (+0,52%). I prezzi si sono riavvicinati alla prima resistenza a 3425 circa e dovranno oltrepassarla per scongiurare il rischio che la flessione avviata dai record di settembre possa ampliarsi ulteriormente. Primi segnali in questo senso sotto i 3310 punti, dove transita la media mobile esponenziale a 50 sedute, per il test di 3280 circa e più in basso fino ad area 3200/3230, minimi ripetutamente testati nella seconda metà di luglio e riferimento critico nel medio termine. Sotto quest’ultimo appiglio attesi cali più pronunciati verso i 3000 punti. Discorso diverso invece nel caso di ritorno sopra area 3425, circostanza che allenterebbe le recenti tensioni senza modificare lo scenario negativo di breve termine. Per intravedere un miglioramento l’indice dovrà infatti compiere uno sforzo ulteriore e riportarsi in prima battuta oltre quota 3450 per poi risalire la china verso i massimi assoluti a quota 3588.

(CC )

Argomenti: Nessuno