Sotto la lente dell’analisi tecnica

di , pubblicato il

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell’analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L’analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Pirelli

Pirelli (+4,29%) estende il rimbalzo avviato dopo il test della trend line che sale dai minimi di marzo, a 3,473 euro, riportandosi oltre i primi ostacoli a 3,97/4 euro. Una chiusura di ottava al di sopra di questo limite invierebbe un segnale incoraggiante in grado di sostenere ulteriori rialzi verso 4,40/4,47, linea che scende dai top di agosto 2018 e massimo di giugno. Nella direzione opposta segnali pericolo giungerebbero sotto 3,473, con conferme negative alla violazione del minimo di agosto a 3,313 euro, per supporti a 3,05 euro.
-Target: 4,47 euro
-Negazione: 3,31 euro
-RSI (14): neutrale

Falck Renewables

Falck Renewables (+2,60%) ha saputo sfruttare la base a quota 5,15/5,20 per scardinare gli ostacoli a 5,90, massimi allineati di luglio e settembre. Il titolo potrebbe ora puntare al record di febbraio a 6,30 euro. Lo scenario rialzista verrebbe compromesso sotto 5,70, primo passo verso il ritorno sui supporti 5,15/5,20.
-Target: 6,30 euro
-Negazione: 5,70 euro
-RSI (14): neutrale

Salvatore Ferragamo

Ferragamo (+3,25%) si allunga fino ai massimi di settembre (allineati a 13,40 circa a quelli di metà giugno) in attesa di spunti per scardinare l’ostacolo e proseguire il movimento ascendente verso 14,80, top di giugno e 16 circa, lato opposto del canale che sale da marzo. Lo slancio perderebbe invece vigore sotto quota 12,37-12,40, per supporti a 11,90 e 11.30.
-Target: 14,80 euro
-Negazione: 12,37 euro
-RSI (14): neutrale

Mediobanca

Mediobanca (+3,93%) torna a crescere dopo una breve pausa sfruttando il sostegno offerto a 6,94 circa dalla media mobile esponenziale a 20sedute.

I prezzi dovranno riportarsi stabilmente al di sopra di area 7 per poter nutrire la speranza di riaffacciarsi in area 7,60 per un confronto con le resistenza critiche testate ripetutamente tra giugno e agosto. Indicazioni contrarie, invece, sotto quota 6,50.
-Target: 7,60 euro
-Negazione: 6,50 euro
-RSI (14): neutrale

Cerved

Slancio rialzista per Cerved (+5,69%) che accelera oltre la trend line tracciata dai massimi di agosto, a 6,33 circa, inviando un primo segnale di miglioramento che potrebbe aiutare i prezzi a risalire la china verso 6,86 e fino ai massimi estivi a 7,70/7,80. Conferme negative giungerebbero invece sotto i 5,90/6 euro, minimi di settembre allineati a quelli di maggio e giugno, per obiettivi a quota 4,75 circa.
-Target: 6,86 euro
-Negazione: 5,90 euro
-RSI (14): neutrale

(CC – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , ,