Sotto la lente dell’analisi tecnica

di , pubblicato il

La lista che segue è composta da alcuni dei titoli appartenenti agli indici di Borsa Italiana, ritenuti tra i più significativi in base ai criteri di liquidità dell’analisi tecnica e tali da garantire una rappresentazione complessiva dei vari settori ICB italiani. L’analisi interpreta i valori di supporto e resistenza secondo un orientamento temporale di breve periodo (1-2 giorni).

Exor

Exor (+5,91%) rimbalza con decisione dai supporti orizzontali a 48,60 circa in direzione di area 52, linea che scende dal picco di giugno. Oltre questo limite le quotazioni dovranno vincere il confronto con la resistenza a 53 euro per inviare segnali convincenti di ripresa per obiettivi a 56 euro. Target successivo in area 63. Sotto quota 48,60 verrebbe invece messo sotto pressione il supporto orizzontale in area 47.
-Target: 53 euro
-Negazione: 47 euro
-RSI (14): neutrale

Massimo Zanetti Beverage

Massimo Zanetti Beverage (+7,35%) prova a dare seguito alla reazione avviata da area 3,60, trend line che sale dai minimi di marzo, raggiungendo a 3,90 circa la media mobile esponenziale a 50 sedute. Oltre i 4 euro il titolo potrebbe puntare alla copertura del gap di fine luglio a 4,14 euro. Target successivo a 4,37 euro. Pericolose invece flessioni sotto area 3,60.
-Target: 4,14 euro
-Negazione: 3,60
-RSI (14): neutrale

Brunello Cucinelli

Brunello Cucinelli (+4,42%) si allontana dalla base del canale che sale da fine luglio, a 25,60 circa, e punta verso i massimi di agosto a 27,90 euro e al lato alto dello stesso canale a 28,50 circa. Per dare vigore alla ripresa sarà necessario il ritorno sopra questo livello. Se invece i prezzi non riuscissero a decollare aumenterebbe il rischio di violazione di area 25,60/26, preludendo a un nuovo test dei minimi di luglio 23,70 euro (allineati ai minimi di marzo).
-Target: 28,50 euro
-Negazione: 25,60 euro
-RSI (14): neutrale

Avio

Brusco dietro front per Avio (-5,09%) che crolla fino a 14,40 circa minacciando base del canale disegnata dai minimi di marzo.

L’eventuale violazione di questo riferimento metterebbe in discussione il rialzo degli ultimi sei mesi anticipando discese verso 13,92 e 13,10 euro circa, rispettivamente quota pari al 38,2% e 50% di ritracciamento del rialzo da marzo. Sviluppi positivi nel lungo termine oltre 16 euro.
-Target: 16,16 euro
-Negazione: 14,40 euro
-RSI (14): neutrale

Mondo TV

Mondo TV (-1,22%) ridimensiona il tentativo di rimbalzo avviato la scorsa ottava dai primi supporti a 1,65/1,66. La rottura di area 1,93 implicherebbe un allungo oltre i 2 euro per obiettivi a 2,14 almeno. Sotto 1,65 invece il titolo sarebbe esposto al rischio di ritorno verso 1,05, minimo di 12 marzo.
-Target: 2,14 euro
-Negazione: 1,65 euro
-RSI (14): neutrale

(CC – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , ,