Sanlorenzo: massima collaborazione con autorità giudiziaria su indagine sfruttamento operai stranieri

di , pubblicato il

Con riferimento all’indagine volta ad individuare condotte di sfruttamento ai danni di operai stranieri nella zona dei cantieri di La Spezia a carico di una società che operava in subappalto, Sanlorenzo S.p.A. (“Sanlorenzo” o la “Società”) conferma di essersi messa a disposizione dell’autorità giudiziaria alla quale ha garantito e garantirà la massima collaborazione. Nelle proprie procedure organizzative e comportamentali, Sanlorenzo prevede da sempre rigorosi sistemi di controllo dell’operato dei propri appaltatori e subappaltatori che includono espressamente, tra i vari principi, la massima tutela dei lavoratori. Tale rigida disciplina può essere stata elusa solo con comportamenti molto gravi e che il Gruppo considera inaccettabili. Sanlorenzo ha appreso con sorpresa ed indignazione di tali condotte, che emergono da attività investigative e non avrebbero potuto manifestarsi altrimenti. Condotte che contrastano nettamente con i valori etici, morali e di sostenibilità sociale che il Gruppo persegue fermamente da anni. A tale riguardo non è esclusa la costituzione di parte civile di Sanlorenzo nei confronti di chi, con la propria condotta, ne danneggia la reputazione e l’immagine. Per quanto riguarda la produzione, la Società conferma che il subappalto in questione è residuale rispetto alle attività svolte e che le azioni messe in atto sin da ieri permetteranno di non avere impatti sull’operatività e sul raggiungimento degli obiettivi produttivi prefissati.

(RV – www.ftaonline.com)

Argomenti: Nessuno