Reno De Medici: ricavi 2019 in forte crescita, pesa invece la svalutazione di “La Rochette”

di , pubblicato il

Il Consiglio di Amministrazione di Reno De Medici, riunitosi oggi sotto la presidenza di Eric Laflamme, ha esaminato e approvato il Resoconto Intermedio di Gestione al 31 dicembre 2019.

Michele Bianchi, Amministratore Delegato di RDM Group ha commentato: “In un contesto di mercato non semplice, nel 2019 abbiamo conseguito un EBITDA margin del 10,3%, proseguendo con successo nel nostro percorso volto a rendere la redditività a doppia cifra conquistata nel 2018 un fenomeno strutturalmente stabile nel tempo.


Le iniziative messe in campo nell’ultimo biennio per ottimizzare la gestione operativa si sono rivelate essenziali per consentirci di navigare al meglio il contesto competitivo dell’anno, che soprattutto nel segmento FBB permane sfidante, considerato l’eccesso di offerta e la richiesta di qualità sempre più specializzate.

Proprio alla luce delle mutate condizioni del settore in cui opera La Rochette, si è resa necessaria la svalutazione degli assets della controllata francese.

La forte generazione di cassa, che da sempre contraddistingue il Gruppo, ha permesso la riduzione dell’indebitamento finanziario netto di quasi 15 milioni di euro, portando il rapporto Debito/EBITDA a 0,72x, nonostante un anno di significativi investimenti operativi.”

“Nel 2020 – ha proseguito l’Amministratore Delegato – porteremo avanti con convinzione la nostra strategia che fa leva sul rafforzamento della leadership e l’ottimizzazione delle produzioni secondo una logica integrata di multimill. Nel frattempo continueremo a raccogliere sempre maggiori benefici anche dal processo di integrazione di Barcelona Cartonboard.”

Questi in sintesi i dati principali:

* Ricavi netti consolidati a 701,6 milioni di euro, +15,8% rispetto ai 606 milioni di euro al 31 dicembre 20181, grazie al contributo di RDM Barcelona Cartonboard, consolidata dal 1° novembre 2018.

* Margine operativo lordo consolidato (EBITDA) a 72,4 milioni di euro in crescita del 14,6% rispetto ai 63,1 milioni di euro al 31 dicembre 2018.

* Risultato operativo consolidato (EBIT) a 30,4 milioni di euro, in diminuzione (-22,6%) rispetto ai 39,3 milioni di euro al 31 dicembre 2018, essenzialmente per effetto della svalutazione dei cespiti della controllata “La Rochette” per 9,5 milioni di euro.

* Utile netto consolidato a 15,6 milioni di euro, in diminuzione rispetto all’utile di 28,4 milioni di euro al 31 dicembre 2018 (-45%).

* Indebitamento finanziario netto a 52 milioni di euro (66,8 milioni di euro al 31 dicembre 2018).

(GD – www.ftaonline.com)

Argomenti:

I commenti sono chiusi.