Piovan: utile netto a 7,2 mln nel primo semestre, proposto dividendo straordinario di 0,11 euro per azione

di , pubblicato il

Il Consiglio di Amministrazione di Piovan S.p.A. (“Piovan” o la “Società”) ha esaminato e approvato la Relazione Finanziaria Semestrale Consolidata al 30 giugno 2020.

• Ricavi consolidati pari a € 102,6 milioni, in calo del 13,6% rispetto a € 118,8 al 30 giugno 2019 (- 12,8% a cambi costanti);
• EBITDA pari a € 13,1 milioni (12,8% dei ricavi ricorrenti del periodo), in calo dell’11,9% rispetto a € 14,9 milioni al 30 giugno 2019;
• Risultato Operativo (EBIT) pari a € 10,3 milioni (con un’incidenza sui ricavi del 10,1%), – 15,9% rispetto a € 12,3 milioni al 30 giugno 2019;
• Risultato Netto consolidato pari a € 7,2 milioni (con un’incidenza sui ricavi del 7,0%), rispetto a € 8,6 milioni al 30 giugno 2019;
• Posizione Finanziaria Netta consolidata ante IFRS 16 pari a € 5,0 milioni, in miglioramento di € 14,3 milioni rispetto al 30 giugno 2019;
• Proposta di dividendo straordinario per azione pari a € 0,11.

“Siamo moderatamente soddisfatti dei risultati raggiunti dal Gruppo nel primo semestre influenzato dagli effetti della pandemia di Covid 19. Ad una contenuta flessione dei ricavi ha fatto seguito una ottima tenuta dei margini reddituali e soprattutto una confermata positiva gestione del circolante che ha contribuito a rafforzare la struttura patrimoniale e finanziaria del Gruppo. Considerando questi aspetti, abbiamo valutato di proporre la distribuzione di un dividendo straordinario a valere sulle riserve di utili della Società” dichiara Nicola Piovan, Presidente Esecutivo. “In questo contesto complicato il Gruppo ha dimostrato una buona resilienza anche nel momento più difficile, soprattutto grazie ad una buona diversificazione geografica e alla presenza nei settori anticiclici quali il medicale ed il packaging alimentare. Anche in periodi difficili come questo il Gruppo ha investito molto nelle nuove tecnologie per il riciclo della plastica ad uso alimentare depositando ben 8 brevetti nel solo 2020; questi brevetti permetteranno al Gruppo di cogliere le opportunità di questo nuovo mercato e rafforzare la propria leadership globale nel settore dell’economia circolare” aggiunge Filippo Zuppichin, Amministratore Delegato.

(RV – www.ftaonline.com)

Argomenti: