Piazza Affari sui massimi da febbraio 2020. FTSE MIB +0,8%

di , pubblicato il

Piazza Affari sui massimi da febbraio 2020. FTSE MIB +0,8%.

Il FTSE MIB segna +0,8%, il FTSE Italia All-Share +0,8%, il FTSE Italia Mid Cap +0,6%, il FTSE Italia STAR +0,7%.

BTP e spread in lieve peggioramento. Il rendimento del decennale segna 1,13% (chiusura precedente a 1,12%), lo spread sul Bund 123 bp (da 122) (dati MTS).

Mercati azionari europei in progresso: EURO STOXX 50 +0,7%, FTSE 100 +0,6%, DAX +0,5%, CAC 40 +0,5%, IBEX 35 +0,7%.

Future sugli indici azionari americani positivi: S&P 500 +0,4%, NASDAQ 100 +0,9%, Dow Jones Industrial +0,3%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -0,25%, NASDAQ Composite -0,38%, Dow Jones Industrial -0,16%.

Mercato azionario giapponese in netto rialzo, il Nikkei 225 ha terminato a +2,09%. Borse cinesi positive: l’indice CSI di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a +0,05%, l’indice Hang Seng di Hong Kong al momento segna +1,3%.

CNH industrial +2,4% accelera al rialzo e tocca il nuovo massimo storico a 14,60 euro all’indomani del collocamento di un’obbligazione a 5 anni di importo nominale pari a 600 milioni di dollari.

Stellantis +1,2% sale sui massimi da fine 2007 in attesa della presentazione (inizio previsto per le 11:45) della partnership strategica con Foxconn. Secondo ricostruzioni di stampa l’accordo potrebbe essere il frutto delle trattative avviate a inizio 2020 da FCA con il gruppo cinese specializzato nell’assemblaggio di smartphone: si ipotizza che l’obiettivo sia lo sviluppo e la produzione di auto elettriche e connesse con conseguente ingresso nel business dell’Internet of Vehicles.

In verde Generali +1,1% che chiude il primo trimestre 2021 con risultati in crescita e migliori delle attese. I premi lordi salgono del 4,2% a/a a 19,714 miliardi di euro (consensus 19,254), il risultato operativo dell’11% a/a a 1,608 miliardi (consensus 1,479), il risultato netto balza a 802 milioni da 113 nel trim1 2020 (consensus 705).

Bene anche il combined ratio all’88,0% (consensus 89,5%). Per il 2021 il gruppo assicurativo prevede raccolta Vita in ripresa ma debole, mentre la raccolta Danni dovrebbe crescere con ritmi superiori a quelli precedenti alla pandemia. Il management “conferma l’obiettivo di una crescita annua composta 2018-2021 degli utili per azione tra il 6% e l’8%. Si prevede inoltre un RoE atteso del 2021 maggiore dell’11,5%, e un obiettivo di dividendi cumulati 2019-2021 tra € 4,5 e € 5 miliardi”.

Mediobanca +1,4% positiva nonostante la vendita del 2% circa da parte di Fininvest per complessivi 174 milioni di euro. Secondo indiscrezioni di stampa l’acquirente sarebbe Delfin: in tal caso la holding di Leonardo Del Vecchio rafforzerebbe la propria posizione di principale azionista di Piazzetta Cuccia (in base ai dati Consob al momento ha il 10,162%).

In rialzo Mediaset +2,8%. Le Figaro scrive che il 30% della tv francese M6 messo in vendita da Bertelsmann dovrebbe essere acquisito dalla Tf1 del gruppo Bouygues. Anche il gruppo di Cologno Monzese aveva presentato un’offerta.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 10:00 bilancia commerciale Italia, alle 11:00 PIL 2a stima trim1 e bilancia commerciale eurozona, alle 16:00 intervento Lagarde (BCE).
Negli USA alle 14:30 nuovi cantieri residenziali e licenze edilizie, alle 22:30 scorte petrolio settimanali (API).

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , ,