Piazza Affari stabile in avvio. Deboli Atlantia e industriali, balzo Diasorin con acquisizione Luminex. FTSE MIB +0,1%

di , pubblicato il

Piazza Affari stabile in avvio. Deboli Atlantia e industriali, balzo Diasorin con acquisizione Luminex. FTSE MIB +0,1%.

Il FTSE MIB segna +0,1%, il FTSE Italia All-Share +0,1%, il FTSE Italia Mid Cap -0,0%, il FTSE Italia STAR -0,5%.

BTP e spread in miglioramento. Il rendimento del decennale segna 0,71% (chiusura precedente a 0,75%), lo spread sul Bund 103 bp (da 104) (dati MTS).

Mercati azionari europei deboli: EURO STOXX 50 -0,2%, FTSE 100 -0,6%, DAX -0,1%, CAC 40 -0,2%, IBEX 35 -0,7%.

Future sugli indici azionari americani in rosso: S&P 500 -0,3%, NASDAQ 100 -0,1%, Dow Jones Industrial -0,4%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +0,77%, NASDAQ Composite +0,51%, Dow Jones Industrial +0,89%.

Mercato azionario giapponese negativo, l’indice Nikkei 225 ha terminato a -0,77%. Borse cinesi in flessione: l’indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -1,74%, l’Hang Seng di Hong Kong al momento segna -1,0%.

Diasorin +6,8% scatta in avanti e tocca i massimi da oltre un mese dopo l’annuncio dell’acquisizione di Luminex per 1,8 miliardi di dollari. Luminex “è leader nel mercato della diagnostica molecolare multiplexing, settore con la crescita più rapida nel mercato della diagnostica molecolare. Luminex è, inoltre, altamente complementare al business di DiaSorin grazie alla propria tecnologia best in class e all’estesa gamma di soluzioni nel settore life science che supportano la ricerca e lo sviluppo in ambito clinico e farmaceutico”.

Atlantia -1,7% perde terreno. L’intervento di ACS con la sua manifestazione d’interesse per Autostrade sta creando incertezza soprattutto sui tempi dell’uscita della holding dei Benetton dalla concessionaria. Nel fine settimana il sottosegretario grillino ai Trasporti, Giovanni Cancelleri, ha dichiarato alla stampa che il governo vigilerà sui tempi per evitare che si metta in scena “l’ennesima farsa” volta solo a prolungare l’impasse.

Leonardo -0,8% debole dopo le indiscrezioni di Repubblica secondo cui la Turchia ha bloccato il perfezionamento di un contratto per l’acquisto di 10 elicotteri d’addestramento AW169 del valore di oltre 70 milioni di euro. La decisione sembra una ritorsione dopo le recenti affermazioni di Mario Draghi sul presidente turco Erdogan, definito “dittatore” dal premier italiano.

Negativi anche gli altri industriali Interpump -0,9%, Prysmian -0,7%, Fincantieri -1,2%, Maire Tecnimont -1,5%, Biesse -1,2%, Carel Industries -1,5%.

In controtendenza Danieli&C +0,5% dopo l’intervista del presidente Gianpietro Benedetti ad Affari& Finanza di Repubblica. Il manager prevede il raddoppio dei ricavi della divisione che produce acciai speciali in due anni. Il gruppo è anche impegnato nel piano di rilancio per l’Ilva in partnership con Saipem e Leonardo. Lo scorso 18 febbraio le tre società hanno siglato “un accordo quadro per proporsi assieme in progetti di riconversione sostenibile di impianti primari energy intensive nel settore siderurgico”. L’obiettivo è la “fornitura congiunta di tecnologie e servizi volti a ridurre le emissioni di anidride carbonica del processo produttivo dell’acciaio” in coerenza “con le attuali normative ambientali e con gli obiettivi nazionali e comunitari di riduzione delle emissioni di CO2″. La nuova soluzione prevede l’utilizzo di ” forni ad alimentazione elettrica ibrida integrati a impianti di riduzione diretta del minerale di ferro per mezzo di una miscela di metano e idrogeno per ottenere un acciaio green con emissioni limitate di Green House Gas”.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 11:00 vendite al dettaglio eurozona.

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , , , , ,