Piazza Affari sotto la parità. Gran fermento nel settore lusso: Moncler e Tod’s sotto i riflettori. FTSE MIB -0,2%

di , pubblicato il

Piazza Affari sotto la parità. Gran fermento nel settore lusso: Moncler e Tod’s sotto i riflettori. FTSE MIB -0,2%.

Il FTSE MIB segna -0,2%, il FTSE Italia All-Share -0,2%, il FTSE Italia Mid Cap +0,2%, il FTSE Italia STAR -0,0%.

BTP e spread poco mossi. Il rendimento del decennale segna 0,75% (chiusura precedente a 0,75%), lo spread sul Bund 101 bp (da 102) (dati MTS).

Mercati azionari europei deboli: EURO STOXX 50 -0,1%, FTSE 100 -0,2%, DAX -0,1%, CAC 40 +0,0%, IBEX 35 -0,2%.

Future sugli indici azionari americani in verde: S&P 500 +0,3%, NASDAQ 100 +0,2%, Dow Jones Industrial +0,2%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -0,92%, NASDAQ Composite -0,94%, Dow Jones Industrial -0,94%.

Mercato azionario giapponese in flessione, l’indice Nikkei 225 ha terminato a -0,57%. Borse cinesi positive: l’indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a +0,91%, l’Hang Seng di Hong Kong al momento segna +1,1%.

Grande fermento nel settore lusso con Moncler -6,3% in netta flessione nonostante i ricavi in netta crescita e superiori alle attese nel primo trimestre. Il fatturato si è attestato a 365,46 milioni di euro, +18% a/a (+21% a cambi costanti), meglio dei 359,3 milioni del consensus Bloomberg. Il gruppo dei piumini di lusso non è però riuscito a superare i livelli pre-Covid (378,53 milioni di euro i ricavi nel trim1 2019) come invece accaduto ai colossi LVMH e Kering e anche a Brunello Cucinelli.

Tod’s, +7,5% a 37,90 euro, balza in avanti e tocca i massimi da gennaio 2020 in scia alla notizia dell’acquisizione 6,8% del capitale da parte di LVMH. Il colosso francese del lusso aveva già il 3,2% e quindi sale al 10%. La quota del 6,8% è stata ceduta da Diego Della Valle & C S.r.

l. a 33,10 euro per azione. A seguito dell’operazione l’imprenditore marchigiano deterrà, direttamente e indirettamente, una partecipazione pari al 63,64% del capitale sociale di Tod’s.

Telecom Italia +0,5% in verde. Secondo indiscrezioni la prossima settimana potrebbe essere decisiva per l’uscita di Enel da Open Fiber: a CDP dovrebbe andare il 10% (ha già il 50%) mentre Macquarie acquisirebbe il restante 40%. L’operazione è decisiva per arrivare all’integrazione delle reti in AccessCo e quindi creare la rete unica in fibra.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 10:00 indici Markit PMI servizi e manifatturiero eurozona, alle 10:30 indici Markit PMI servizi e manifatturiero Regno Unito, alle 16:30 intervento Lagarde (BCE).
Negli USA alle 15:45 indici Markit PMI servizi e manifatturiero, alle 16:00 vendite abitazioni nuove.

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , ,