Piazza Affari positiva. Petroliferi e bancari in evidenza. FTSE MIB +0,9%

di , pubblicato il

Piazza Affari positiva. Petroliferi e bancari in evidenza. FTSE MIB +0,9%.

Il FTSE MIB segna +0,9%, il FTSE Italia All-Share +0,8%, il FTSE Italia Mid Cap +0,1%, il FTSE Italia STAR -0,2%.

BTP e spread in peggioramento. Il rendimento del decennale segna 1,02% (chiusura precedente a 0,95%), lo spread sul Bund 133 bp (da 130) (dati MTS).

Euro in ripiegamento dopo il rimbalzo dal minimo di ieri pomeriggio a 1,1236. EUR/USD al momento quota 1,1310 circa.

Mercati azionari europei in rialzo: EURO STOXX 50 +0,8%, FTSE 100 +1,1%, DAX +0,8%, CAC 40 +0,6%, IBEX 35 +1,2%.

Future sugli indici azionari americani positivi: S&P 500 +0,7%; NASDAQ 100 +1,1%; Dow Jones Industrial +0,4%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 -1,90%; NASDAQ Composite -1,55%; Dow Jones Industrial -1,86%.

Mercato azionario giapponese in verde, il Nikkei 225 ha terminato a +0,41%. Borse cinesi positive: l’indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a +0,24%, l’Hang Seng di Hong Kong a +0,78%.

I petroliferi guadagnano terreno in scia al massiccio rimbalzo del greggio dai minimi da fine agosto toccati ieri pomeriggio. Il future febbraio 2022 sul Brent segna 72,20 $/barile (minimo a 67,50 circa), il future gennaio sul WTI segna 68,90 $/barile (minimo a 64,40 circa). Eni +2,5%, Tenaris +3,2%, Saipem +3,0%.

Unicredit +2,9% tonica: poco fa il gruppo ha comunicato che il “perfezionamento dell’acquisizione di Aviva S.p.A. da parte di CNP avvia la fase finale di ulteriore valorizzazione della partnership esistente tra UniCredit S.p.A. e CNP sulla base dell’accordo sottoscritto tra UniCredit S.p.A. e CNP il 3 marzo 2021”. Il 9 dicembre prossimo si terrà lo Strategy Day con presentazione del primo piano industriale elaborato dall’a.d. Andrea Orcel.

Positiva Exor +1,9%. Il presidente John Elkann ha dichiarato ieri durante l’investor day che nel 2022 la holding della famiglia Agnelli avrà 9 miliardi di euro da investire, gran parte grazie alla vendita di Partner Re a Covèa che dovrebbe essere finalizzata entro fine anno.

Le risorse verranno impiegate per crescere nei settori sanità, lusso e tecnologia.

Diasorin -3,4% perde terreno in scia alle indicazioni (da confermare con analisi più approfondite) secondo cui la variante Omicron del Covid-19 sembra più contagiosa della Delta ma meno grave a livello di sintomi. Il gruppo ha confermato “la capacità di identificare il virus SARS-CoV-2 dei propri test molecolari anche a fronte della nuova variante Omicron (B.1.1.529), identificata come “Variant Under Monitoring””.

Molto bene Banca MPS +5,2%: l’istituto senese ha comunicato di avere contatti in corso con “il Ministero dell’economia e delle finanze (MEF, ndr), al fine di riavviare le interlocuzioni con DG COMP (Directorate-General for Competition)” per ottenere il via libera al piano industriale e al rafforzamento di capitale. Secondo le voci di stampa l’ok di Bruxelles dovrebbe arrivare nei primi mesi del 2022 e comprendere una proroga di 18 mesi (fino ad autunno 2023) del termine ultimo per l’uscita del Tesoro dal capitale. Si parla anche di Victor Massiah (ex numero uno di UBI Banca) come nuovo a.d. Per quanto riguarda il piano industriale si ipotizza la cessione delle passività per le litigation da 6,2 miliardi di euro a Fintecna (gruppo CDP, e quindi MEF) e la vendita di sofferenze per 4 miliardi circa ad AMCO (sempre MEF). La ricapitalizzazione dovrebbe essere di 2,9 miliardi di euro mentre sul fronte del taglio dei costi l’obiettivo è un cost/income del 62-63 per cento dal 70% del terzo trimestre, da raggiungere con taglio di personale (le ultime indicazioni parlano di circa 4 mila unità) e filiali.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 10:00 indice Markit PMI manifatturiero eurozona, alle 10:30 indice Markit PMI manifatturiero Regno Unito.
Negli USA alle 14:15 nuovi lavoratori dipendenti non agricoli (ADP), alle 15:45 indice Markit PMI manifatturiero, alle 16:00 spesa in costruzioni e indice ISM manifatturiero, alle 16:30 scorte petrolio settimanali (EIA), alle 20:00 Beige Book (Fed).

(Simone Ferradini – www.

ftaonline.com)

Argomenti: , , , , ,