Piazza Affari positiva. FTSE MIB +0,23%

di , pubblicato il

Seduta positiva per la Borsa Italiana, quella odierna. Il FTSE MIB segna +0,23%, il FTSE Italia All-Share +0,41%, il FTSE Italia Mid Cap +0,35, mentre il FTSE Italia STAR -0,12%.
BTP e spread stabili. Il rendimento del decennale segna 1,03% (chiusura precedente a 0,99%), lo spread sul Bund 115 bp (da 115) (dati MTS).
Circa due ore dopo l’apertura di Wall Street i principali indici americani sono negativi. Nel pomeriggio l’EIA (Energy Information Administration) ha comunicato che negli USA alla fine della scorsa settimana le scorte di petrolio hanno fatto segnare un calo di 0,427 milioni di barili, a fronte di una flessione di 2,817 milioni attesa dagli analisti (settimana precedente: -7,990 milioni di barili).
A Milano ottima performance per Unicredit, +2,93% a 10,20 euro. Il gruppo ha annunciato oggi la nuova struttura organizzativa e il team manageriale denominato “Group Executive Committee (GEC)”, composto da quindici membri che sostituirà l’attuale “Executive Management Committee (EMC)” con ventisette membri.
In evidenza i titoli del settore lusso: Tod’s +7% accelera al rialzo e tocca i massimi da ottobre 2019. Il cda si riunisce oggi per l’approvazione dei dati sui ricavi realizzati nel primo trimestre 2021.
Molto bene anche Salvatore Ferragamo +4,55% che chiude il primo trimestre 2021 con ricavi a 245 milioni di euro (+10,3% a/a) e risultato netto a -0,6 milioni (rispetto a -41 milioni nel trim1 2020).
Performance “monstre” per Safilo Group +21,31% che tocca i massimi da dicembre 2019 grazie ai risultati del primo trimestre 2021. I ricavi sono in rialzo (a cambi constanti) del 20,0% sul trim1 2020 e del 6,0% sul trim1 2019. L’EBITDA adjusted si attesta a 25,8 milioni di euro con margine al 10,3% (2,6% nel trim1 2020 e 8,1% nel trim1 2019).
Banca Mediolanum -2,43% in netta flessione: ieri il gruppo ha comunicato di aver chiuso il primo trimestre 2021 con risultato netto a +133,4 milioni, in crescita dell’85% a/a.

Contrastati gli altri titoli del risparmio gestito: Banca Generali -1,1%, Poste Italiane -1,25%, Azimut +0,15%, Anima +0,37%.
Emak +10,22% balza sui massimi da maggio 2018 dopo la pubblicazione dei risultati del primo trimestre 2021. I ricavi si attestano a 162,9 milioni di euro (+38% a/a), l’utile netto a 15,3 milioni rispetto a 3,8 milioni nel primo trimestre 2020. Il trend della domanda è continuato con la stessa intensità in aprile con ricavi in crescita nell’intorno del 70% a/a. Per l’esercizio 2021 il management, pur in presenza di una scarsa visibilità sul secondo semestre e dei rischi relativi alla catena di fornitura e ai trasporti, ipotizza una crescita del fatturato su base annua fra il 15% e il 20%.

(AC – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , , , , ,