'Piazza Affari positiva con le altre borse europee. Spread in calo dopo dimissioni Conte, attesa per decisione Mattarella su incarico. FTSE MIB +1,1% - Finanza e Borsa - Investireoggi.it

Piazza Affari positiva con le altre borse europee. Spread in calo dopo dimissioni Conte, attesa per decisione Mattarella su incarico. FTSE MIB +1,1%

di , pubblicato il

Piazza Affari positiva con le altre borse europee. Spread in calo dopo dimissioni Conte, attesa per decisione Mattarella su incarico. FTSE MIB +1,1%.

Il FTSE MIB segna +1,1%, il FTSE Italia All-Share +1,2%, il FTSE Italia Mid Cap +1,8%, il FTSE Italia STAR +1,3%.

BTP e spread in deciso miglioramento. Il rendimento del decennale segna 0,64% (chiusura precedente a 0,71%), lo spread sul Bund 118 bp (da 125) (dati MTS).

Il premier Conte si è dimesso: la parola ora al presidente della Repubblica Mattarella. Possibile un nuovo incarico a Conte.

Mercati azionari europei in ascesa: EURO STOXX 50 +1,5%, FTSE 100 +0,8%, DAX +2,0%, CAC 40 +1,4%, IBEX 35 +1,3%.

Circa mezz’ora prima dell’apertura di Wall Street i future sui principali indici americani sono in verde: S&P 500 +0,3%, NASDAQ 100 +0,1%, Dow Jones Industrial +0,3%.

Ottima performance per Nexi +3,5% che rimbalza dopo l’affondo di ieri. Il titolo approfitta anche della notizia dell’accordo tra SIA e WizKey per il lancio di un’innovativa piattaforma a disposizione di banche, fondi e operatori finanziari per negoziare i crediti su blockchain e favorire una maggiore liquidità a beneficio delle PMI. Ricordiamo che a inizio ottobre Nexi, SIA e le controllanti CDP Equity, FSIA e Mercury hanno sottoscritto un memorandum of understanding per l’integrazione da realizzarsi tramite la fusione per incorporazione di SIA in Nexi.

Bene i petroliferi grazie al greggio che, dopo la flessione vista nella notte, recupera e supera i massimi di ieri sera riportandosi sui livelli di venerdì. Il future aprile sul Brent segna 55,90 $/barile, il future marzo sul WTI segna 53,00 $/barile. Eni +2,4%, Tenaris, +2,1%. Brilla Saipem +3,1% a 2,1520 euro: Goldman Sachs conferma la raccomandazione buy sul titolo e incrementa il target da 2,40 a 2,80 euro.

Telecom Italia +2,3% si conferma in buona forma in scia all’operazione di Orange sulla rete in fibra nelle aree rurali e al repricing attuato da Iliad alla fine della scorsa settimana (attesi benefici sui margini dell’intero settore mobile).

Ieri Telecom ha annunciato il lancio di Noovle, società attiva nel cloud e edge computing dove sono confluiti i data center: si stima di raggiungere 1 miliardo di euro di fatturato nel 2024 con una crescita media annua di circa il 20% e un EBITDA atteso di circa 400 milioni di euro.

Positivi gli industriali dopo i cali di ieri: Leonardo +2,7%, Stellantis +2,0%, Pirelli +2,6%, Interpump +2,0%. In controtendenza Prysmian -2,9% dopo il lancio di un’obbligazione equity linked a 5 anni da 650 milioni di euro contro il riacquisto un altro bond equity linked da 500 milioni attualmente in circolazione e con scadenza nel 2022. Le obbligazioni saranno convertibili in azioni ordinarie a seguito dell’approvazione di un aumento di capitale a servizio della conversione.

Credem, +4,8% a 4,3350 euro, in forte rialzo grazie al report di Equita: raccomandazione buy confermata e target incrementato a 5,50 euro. La banca comunicherà i risultati del quarto trimestre 2020 l’8 febbraio. Gli analisti prevedono conti in crescita: la stima di utile 2020 è stata migliorata da 135 a 168 milioni di euro.

Ottima performance anche per Cementir Holding +5,6% a 7,04 euro: Kepler Cheuvreux conferma la raccomandazione buy sul titolo con target incrementato da 8,00 a 8,40 euro.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: negli USA alle 16:00 indice fiducia consumatori (Conference Board) e indice Richmond Fed (manifatturiero), alle 22:30 scorte petrolio settimanali (API).

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , , , , , ,