'Piazza Affari poco mossa: Wall Street chiusa per il Thanksgiving. FTSE MIB -0,2% - Finanza e Borsa - Investireoggi.it

Piazza Affari poco mossa: Wall Street chiusa per il Thanksgiving. FTSE MIB -0,2%

di , pubblicato il

Piazza Affari poco mossa: Wall Street chiusa per il Thanksgiving. FTSE MIB -0,2%.

Il FTSE MIB segna -0,2%, il FTSE Italia All-Share -0,2%, il FTSE Italia Mid Cap -0,2%, il FTSE Italia STAR +0,4%.

BTP e spread poco mossi. Il rendimento del decennale segna 0,57% (chiusura precedente a 0,58%), lo spread sul Bund 115 bp (da 115) (dati MTS).

Mercati azionari europei incerti: EURO STOXX 50 +0,2%, FTSE 100 -0,4%, DAX +0,1%, CAC 40 -0,0%, IBEX 35 -0,6%.

Oggi Wall Street resta chiusa per la festività del Thanksgiving Day ma i future sui principali indici americani sono attivi: S&P 500 +0,0%, NASDAQ 100 +0,4%, Dow Jones Industrial -0,0%.

Bancari in flessione: l’indice FTSE Italia Banche segna -1,2%, l’EURO STOXX Banks -1,0%. A Milano UniCredit -2,2%, Banco BPM -1,5%, BPER Banca -2,3%, Banca MPS -2,4%, Credem -2,3%.

Petroliferi in calo: il greggio perde terreno dai massimi da inizio marzo toccati tra ieri sera e la notte. Il future febbraio sul Brent segna 48,00 $/barile (da 49 circa), il future gennaio sul WTI segna 45,25 $/barile (da 46,30 circa). Eni -1,2%, Tenaris -0,8%, Saipem -0,9%.

A2A +3,0% accelera e tocca i massimi da metà agosto in scia alla notizia del Memorandum of Understanding con Ardian per una cooperazione relativa allo sviluppo dell’utilizzo dell’idrogeno verde. L’accordo avrà l’obiettivo di identificare potenziali aree di collaborazione per la produzione di idrogeno verde da fonti rinnovabili. In particolare “le parti condivideranno l’obiettivo comune di selezionare i siti più adatti dove sia più conveniente un’integrazione tra impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili esistenti o pianificate e unità di produzione di idrogeno. Saranno valutate diverse configurazioni di impianto per un utilizzo importante dell’idrogeno verde, al fine di individuare un impianto pilota vero e proprio che entrambe le parti potranno decidere di sviluppare nella successiva fase della partnership”.

Telecom Italia +2,3% sui massimi da inizio settembre. Secondo indiscrezioni di stampa Enel +0,3% potrebbe prendere una decisione sulla vendita del 50% on Open Fiber nel cda in programma il 17 dicembre. Ieri l’Antitrust UE ha dato il via libera a FiberCop, la società che in cui confluirà la rete secondaria e che a sua volta dovrebbe essere coinvolta nel progetto per la rete unica con Open Fiber. Le ultime indiscrezioni riferiscono di trattative in corso con i francesi di Vivendi (+0,0% a Parigi), soci di peso sia in TIM che in Mediaset -1,7%. Oggi il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire incontrerà l’omologo Roberto Gualtieri. Si parlerà probabilmente dell’emendamento salva-Mediaset e di rete unica.

STM, +2,1%
a 32,66 euro: Liberum conferma la raccomandazione buy sul titolo e incrementa il target da 35 a 40 euro. Secondo Business Insider STM parteciperà al progetto SpaceX di Elon Musk realizzando i ricetrasmettitori terrestri.

Autogrill -4,5% a 5,2250 euro: Fidentiis peggiora la raccomandazione sul titolo da buy a hold con target a 5,75 euro.

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , , , , , , , ,