Piazza Affari poco mossa: mercati in modalità ferragostana. FTSE MIB -0,1%

di , pubblicato il

Piazza Affari poco mossa: mercati in modalità ferragostana. FTSE MIB -0,1%.

Il FTSE MIB segna -0,1%, il FTSE Italia All-Share -0,1%, il FTSE Italia Mid Cap +0,2%, il FTSE Italia STAR -0,1%.

BTP e spread stabili. Il rendimento del decennale segna 1,02% (chiusura precedente a 1,03%), lo spread sul Bund 148 bp (da 147) (dati MTS).

Mercati azionari europei in leggero ribasso: EURO STOXX 50 -0,2%, FTSE 100 -1,1%, DAX -0,2%, CAC 40 -0,3%, IBEX 35 -0,2%.

Future sugli indici azionari americani in lieve calo: S&P 500 -0,1%, NASDAQ 100 -0,1%, Dow Jones Industrial -0,1%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +1,40%, NASDAQ Composite +2,13%, Dow Jones Industrial +1,05%.

Mercato azionario giapponese in netto rialzo, il Nikkei 225 ha terminato a +1,78%. Borse cinesi poco sotto la parità: l’indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha chiuso a -0,26%, l’Hang Seng di Hong Kong al momento segna -0,2% circa.

Bancari in ulteriore progresso: operatori e investitori scommettono su un nuovo capitolo del processo di consolidamento del comparto dopo l’intervista rilasciata due giorni fa al Sole 24 Ore dall’a.d. di Banco BPM +1,8% Giuseppe Castagna. L’acquisizione di UBI Banca (delisting azioni previsto per il 18 settembre) da parte di Intesa Sanpaolo +0,1% ha cambiato il contesto competitivo del mercato bancario in Italia, costringendo gli altri istituti a valutare operazioni straordinarie. Il manager ha aggiunto che, una volta superata l’emergenza Covid, BPM aggiornerà il piano industriale: l’obiettivo è “aumentare il valore di Banco BPM, se serve anche attraverso aggregazioni che vengano apprezzate dal mercato”, ma al momento non c’è alcun piano in tal senso. Il manager ha affermato che nell’interesse dell’economia italiana sarebbero necessari due o tre grandi poli bancari.

Secondo indiscrezioni recenti BPM è stata accostata a UniCredit -0,2% e a Banca MPS +0,7%. Resta poi da capire come potranno posizionarsi BPER Banca +1,0% e Credito Valtellinese +0,7% in questo contesto.

Deboli i titoli del settore medico: Amplifon -1,2%, DiaSorin -1,3%, Recordati -0,9%.

Vendite anche sul comparto energia: Terna -1,0%, Tenaris -0,8%, Enel -0,9%, Snam -0,8%, Hera -0,5%, Eni -0,4%.

Telecom Italia in verde +0,5%: ieri Beppe Grillo si è scagliato contro la possibile vendita del 37,5% di FiberCop (la rete secondaria) a KKR. Il fondatore dell’M5S nel suo blog parla di operazione effettuata “in logica puramente finanziaria e non industriale” che “complica soltanto il progetto di possibile creazione di una società unica delle reti e delle tecnologie”. Grillo aggiunge che è “auspicabile che il progetto di creazione di una società unica delle reti e delle tecnologie venga realizzato sotto la guida e l’indirizzo di istituzioni pubbliche”. La Stampa ha scritto che l’intervento di Grillo fa parte di un piano che vede schierati il premier Conte, l’M5S e parte del PD finalizzato a impedire la vendita della quota di FiberCop a KKR per poi scorporare servizi e rete Telecom in una newco con Open Fiber e Fastweb.

Gli appuntamenti macroeconomici in programma oggi: negli USA alle 14:30 richieste settimanali sussidi disoccupazione e indice prezzi importazioni.

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , , , , , , , ,