Piazza Affari poco mossa. FTSE MIB -0,12%

di , pubblicato il

Seduta interlocutoria quella odierna a Piazza Affari, con gli indici che hanno oscillato stancamente attorno alla parità. Il FTSE MIB segna -0,12%, il FTSE Italia All-Share +0,03%, in netto rialzo invece il FTSE Italia Mid Cap +1,2 ed il FTSE Italia STAR +1,66%.
BTP in lieve miglioramento, spread stabile. Il rendimento del decennale segna 0,90% (chiusura precedente a 0,92%), lo spread sul Bund 102 bp (da 102) (dati MTS).
Gli indici azionari americani sono contrastati. Nel primo pomeriggio il Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti ha comunicato che nel mese di settembre l’indice grezzo dei prezzi al consumo è cresciuto dello 0,4% rispetto ad agosto risultando superiore alle attese (+0,3%) e alla rilevazione precedente (+0,3%). Su base annuale l’indice si è attestato al +5,4%, superiore alla lettura di agosto e al consensus (entrambe pari al +5,3%). L’indice Core (esclusi energetici ed alimentari) è cresciuto dello 0,2% rispetto al mese precedente (consensus +0,2%). Su base annuale l’indice e’ salito del 4% risultando pari alla rilevazione precedente e alle attese.
Da segnalare l’ottima trimestrale di JP Morgan Chase & Co. Nel terzo trimestre 2021 l’utile netto della banca d’affari americana è balzato a 11,7 miliardi di dollari (3,74 dollari per azione) da 9,4 miliardi dello stesso periodo di un anno prima. Il dato è superiore alle attese degli analisti (consensus 3 dollari per azione). Il titolo nel premarket a Wall Street avanza dello 0,7%. Banco BPM -2,21% e Bper Banca -1,7%.
A Milano STM (+1,4%) in rialzo. Il tema della carenza di microchip resta in primo piano: secondo fonti vicine alla situazione sentite da Bloomberg, Apple potrebbe ridurre la produzione dell’iPhone 13 di 10 milioni di unità. Il gruppo di Cupertino aveva programmato di realizzare 90 milioni di pezzi entro fine anno. Apple ha però fatto sapere ad alcuni fornitori che il numero sarà inferiore a causa dei problemi di approvvigionamento dai produttori di microchip tra cui Broadcom e Texas Instruments.

STM ha in Apple uno dei clienti principali (se non il numero uno) e sta risentendo negativamente della notizia.
Buone performance per i titoli dei gruppi attivi nel settore delle energie rinnovabili Falck Renewables +1,02%, ERG +1,95%, e soprattutto Alerion Clean Power +4,46% all’indomani dell’ok del cda a un green bond da 150-200 milioni di euro. Ieri è stata presentato dal presidente Macron il piano France 2030 per la transizione energetica con investimenti complessivi pari a 30 miliardi di euro.
Vendite sui petroliferi: il greggio si allontana dai massimi pluriennali toccati lunedì. Il future dicembre sul Brent segna 82,85 $/barile (84,59 il massimo da ottobre 2018), il future novembre sul WTI 80,15 $/barile (82,17 il massimo da ottobre 2014). Eni -1,27%, Tenaris -1,31%, Saipem -2,12%. Vendite anche per i titoli del comparto bancario con Unicredit che arretra del 2,26% e Intesa Sanpaolo che perde lo 0,7%.
Sotto la parità Stellantis -0,15% dopo la riorganizzazione del polo produttivo torinese annunciata due giorni fa. L’assemblaggio delle Maserati Ghibli e Quattroporte sarà trasferito da Grugliasco a Mirafiori, sito destinato a diventare centrale nella produzione di auto elettriche. A Mirafiori è realizzata Fiat 500 full electric, in attesa del lancio delle versioni elettriche di Maserati Gran Cabrio e Gran Turismo.
Unipol -1,37% perde terreno. Secondo indiscrezioni di stampa di ieri il tentativo del gruppo bolognese di convincere BP Sondrio (di cui Unipol ha il 6,9%, sito Consob) ad una fusione con BPER Banca (di cui Unipol è primo azionista con il 15%, sito Consob) non ha avuto successo.
Anima Holding +0,27% estende il rally e tocca i massimi da giugno 2016. Ieri due importanti broker come UBS e Kepler Cheuvreux sono usciti con report positivi sul titolo.
Seco (+6,92%) ha annunciato di aver concluso con successo l’acquizione dell’intero capitale sociale di Garz&Fricke Holding GmbH (“G&F Group”), azienda con sede ad Amburgo (Germania) che sviluppa e realizza soluzioni hardware e software per l’Industrial Internet of Things (IoT).

(AC – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , , , , ,