Piazza Affari: petroliferi su, bancari giù. FTSE MIB +0,1%

di , pubblicato il

Piazza Affari: petroliferi su, bancari giù. FTSE MIB +0,1%.

Il FTSE MIB segna +0,1%, il FTSE Italia All-Share +0,1%, il FTSE Italia Mid Cap +0,0%, il FTSE Italia STAR +0,1%.

Mercati azionari europei deboli riducono i guadagni visti in avvio: EURO STOXX 50 +0,2%, FTSE 100 +1,1%, DAX +0,0%, CAC 40 +0,6%, IBEX 35 +0,3%.

Oggi Wall Street chiusa per festività ma i future sugli indici sono attivi stamattina: S&P 500 -0,7%; NASDAQ 100 -0,7%; Dow Jones Industrial -0,6%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +1,06%; NASDAQ Composite +0,90%; Dow Jones Industrial +1,05%.

Mercato azionario giapponese positivo, l’indice Nikkei 225 ha chiuso a +0,84%. Borse cinesi contrastate: l’indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha terminato a +0,66%, l’Hang Seng di Hong Kong al momento segna -0,3%.

Euro stabile dopo il rimbalzo dal minimo dal 15 giugno contro dollaro a 1,0368 toccato venerdì pomeriggio. EUR/USD al momento quota 1,0430 circa.

BTP e spread in deciso peggioramento. Il rendimento del decennale segna 3,30% (chiusura precedente a 3,23%), lo spread sul Bund 206 bp (195) (dati MTS).

Avvio di ottava molto positivo per i petroliferi Eni +2,5% e Tenaris +2,8%: il greggio sale sui massimi da giovedì scorso. Il future settembre sul Brent segna 111,60 $/barile, il future agosto sul WTI segna 108,40 $/barile. In controtendenza Saipem -1,48%, i diritti sulle nuove azioni dell’aumento cedono ben il 46%.

In rosso i bancari: l’indice FTSE Italia Banche segna -1,2%, l’EURO STOXX Banks -0,5%. Il Financial Times scrive che la BCE sta ipotizzando l’adozione di un meccanismo che limiti i profitti che le banche potrebbero realizzare impiegando a tassi crescenti i capitali incamerati a tassi agevolati con le operazioni TLTRO. Dei circa 2 mila miliardi di euro erogati con queste operazioni circa un quarto sono finiti nei bilanci delle banche italiane.

Banco BPM -2,7%, BPER Banca -2,0%, Unicredit -1,4%, Intesa Sanpaolo -1,4%.

In verde Exor +0,3% che entra nel settore healthcare mediante l’acquisizione del 10% di Institut Mérieux con un investimento di 833 milioni di euro (un terzo al closing e il resto nei successivi 12 mesi). Il closing dell’operazione è previsto entro questa estate e verrà seguito dall’ingresso di John Elkann e Benoît Ribadeau Dumas nel cda del gruppo francese.

L’operazione Exor-Institut Mérieux fa scattare qualche acquisto anche su Diasorin +2,2% che opera negli stessi settori del gruppo francese. La decisione della holding della famiglia Agnelli è evidentemente un elemento a favore delle società attive nel comparto.

Trevi Finanziaria Industriale +7,1% scatta in avanti grazie all’aggiudicazione di nuove commesse per complessivi 174 milioni di euro: il portafoglio ordini sale a 628 milioni.

Andamenti divergenti per Servizi Italia +4,7% e Fiera Milano -0,9%. È con ogni probabilità l’effetto del balzo dei contagi causato dalla sottovariante Omicron BA.5. Servizi Italia opera nel settore dei servizi integrati in ambito sanitario e beneficerebbe del riempimento dei posti letto degli ospedali mentre l’attività di Fiera Milano potrebbe essere compromessa in caso di nuove restrizioni.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: nell’eurozona alle 10:30 indice Sentix (fiducia investitori) e alle 11:00 indice prezzi alla produzione.

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , , , , , ,