Piazza Affari in rosso, teme la Fed. FTSE MIB -2,2%

di , pubblicato il

Piazza Affari in rosso, teme la Fed. FTSE MIB -2,2%.

Il FTSE MIB segna -2,2%, il FTSE Italia All-Share -2,2%, il FTSE Italia Mid Cap -2,2%, il FTSE Italia STAR -2,0%.

Mercati azionari in forte calo a causa dei timori relativi al ritmo di rialzo dei tassi d’interesse da parte della Fed più aggressivo del previsto.

Mercati azionari europei in netto calo: EURO STOXX 50 -2,0%, FTSE 100 -1,4%, DAX -2,2%, CAC 40 -1,9%, IBEX 35 -1,5%.

Future sugli indici azionari americani negativi: S&P 500 -1,8%; NASDAQ 100 -2,1%; Dow Jones Industrial -1,5%. Le chiusure dei principali indici USA nella seduta precedente: S&P 500 +2,45%; NASDAQ Composite +2,51%; Dow Jones Industrial +2,15%.

Mercato azionario giapponese debole, l’indice Nikkei 225 ha chiuso a -0,37%. Borse cinesi negative: l’indice CSI 300 di Shanghai e Shenzhen ha terminato a -1,27%, l’Hang Seng di Hong Kong al momento segna -2,3%.

BTP in miglioramento e spread in peggioramento. Il rendimento del decennale segna 3,74% (chiusura precedente a 3,79%), lo spread sul Bund 205 bp (201) (dati MTS).

Euro debole contro dollaro, tocca i minimi da lunedì. EUR/USD al momento quota 1,0500 circa.

Petroliferi in forte ribasso in scia alla massiccia flessione del greggio sui minimi da maggio. I future agosto segnano per il Brent 109,50 $/barile, per il WTI 104,10 $/barile. Eni -3,6%, Tenaris -4,4%.

Sotto pressione Saipem -14,4% dopo che il cda ha comunicato le condizioni dell’aumento di capitale da 2 miliardi di euro: saranno offerte in opzione agli azionisti 95 nuove azioni ogni azione (ordinaria o di risparmio) posseduta, al prezzo di sottoscrizione di 1,013 euro (0,021 a capitale sociale e 0,992 di sovrapprezzo), con uno sconto di circa il 30% rispetto al prezzo teorico ex diritto (Theoretical Ex Right Price o TERP) delle azioni ordinarie Saipem, calcolato secondo le metodologie correnti.

L’operazione partirà il 27 giugno per concludersi l’11 luglio, con diritti negoziabili fino al 5 luglio.

Performance negative per gli industriali, particolarmente sensibili allo scenario tassi-congiuntura: Iveco -3,8%, CNH Industrial -3,4%, Stellantis -3,6%, Interpump -3,1%, Pirelli -2,8%, STM -3,0%, Prysmian -2,7%.

Snam -1,3% a 4,8170 euro. Gli analisti di Barclays hanno ridotto il target del titolo a 5,40 euro.

Leonardo -2,4% e Fincantieri +0,8%: Il Sole 24 Ore scrive che il governo è intenzionato a riorganizzare il settore della difesa italiano e per questo ipotizza un qualche tipo di integrazione-collaborazione (no fusione) tra i due gruppi.

Attenzione a Trawell che oggi potrebbe muoversi al rialzo in scia al rinnovo dell’accordo per la fornitura dei propri servizi integrati di assistenza ai viaggiatori presso l’aeroporto internazionale di Roma Fiumicino, Terminal 3 (Italia) fino a ottobre 2025. Lo scalo è il più importante italiano e il 9° in Europa.

Gli appuntamenti macroeconomici di oggi: alle 16:00 indice fiducia consumatori eurozona.
Negli USA alle 16:00 intervento Powell (Fed), alle 22:30 variazione settimanale scorte petrolio (API).

(Simone Ferradini – www.ftaonline.com)

Argomenti: , , , , , , ,